Il Galaxy S21 supporterà la S Pen, c’è la conferma

Il Galaxy S21 supporterà la S Pen, c’è la conferma

Una serie di informazioni relative al mercato tedesco parlano di cover dedicate all’alloggiamento del pennino, non presente però in confezione

Il Samsung Galaxy S21 verrà svelato il 14 gennaio. SI tratta di una data ufficiosa, che arriva da alcune indiscrezioni in India, dove i negozi hanno cominciato ad accettare i pre-ordini (per circa 30 dollari) del terminale. Mancano un sacco di notizie sul lancio, come il numero effettivo di terminali e le particolarità di ognuno, sebbene si parli della stessa famiglia già vista nel febbraio 2020, ossia un modello base, un Plus e un Ultra, il vero top di gamma. WinFuture, su cui di solito si può fare affidamento per l’accuratezza delle sue informazioni, svela però il particolare che tutti attendevano: la S Pen. 

Sebbene le varianti del telefono menzionate dal sito si applichino specificamente alla Germania, dovrebbero applicarsi anche nella maggior parte degli altri mercati. Prima di tutto il Galaxy S21 sarà disponibile solo con 5G nella maggior parte delle regioni, sebbene una versione 4G del telefono dovrebbe arrivare in mercati emergenti, come il Brasile. Per quanto riguarda le configurazioni di memoria, il Galaxy S21 standard e il Galaxy S21 Plus avranno 128 GB o 256 GB di storage interno; il Galaxy S21 Ultra invece 128 GB, 256 GB o 512 GB.

Arriva il supporto alla S Pen 

In termini di colori, WinFuture afferma che il Galaxy S21 arriverà in grigio, bianco, rosa o viola, mentre l’S21 Plus si presenterà in argento, nero e viola e il Galaxy S21 Ultra sarà in vendita in argento o nero. Il dettaglio aggiuntivo rivelato da WinFuture è che il supporto per la S Pen sarà reale per il solo Ultra, dove avremo il supporto ma non la stilo inclusa, venduta separatamente. Ci saranno delle cover ufficiali, come quella in silicone o la Clear View Cover, dedicata al supporto, che quindi non sarà un foro nel telefono ma nella sola custodia. A questo punto, tenere in vita la serie Note ha ancora senso, laddove ci siano utenti intenzionati ad acquistare un terminale con un supporto nativo all’accessorio, considerato da molti ancora importante e distintivo.

Leggi anche:  Fujitsu arricchisce il portafoglio PRIMEFLEX su VMware