Apple riporterà il Touch ID su iPhone per via delle mascherine

Apple riporterà il Touch ID su iPhone per via delle mascherine

Il 2020 ha costretto le persone a sbloccare i loro iPhone utilizzando i codici numerici vista l’impossibilità del riconoscimento facciale

Apple ha abbandonato il Touch ID a favore del Face ID con l’iPhone X nel 2017. Ma il vetusto sensore di impronte, peraltro presente ovunque presso la concorrenza, potrebbe riapparire sul prossimo iPhone 13 e, ben prima, su un ipotetico iPhone economico, seguito di SE. Il motivo? Il 2020, che ci ha visto indossare sempre la mascherina quando fuori casa, ha costretto i possessori di un iPhone a dover abbandonare l’utile e comoda opportunità di sbloccare il telefono con il riconoscimento del volto, dovendo optare per l’inserimento di un codice numerico. E visto che le mascherine non sembrano essere sulla via di un abbandono così vicino, la Mela ha pensato bene di rendere la vita ai nomadi digitali più semplice.

Un ritorno al passato

Del resto, Apple non ha completamente scartato il Touch ID, con i Mac e alcuni modelli di iPhone più economici che mantengono ancora la funzionalità. È importante sottolineare che la nuova versione del sensore non richiederebbe un pulsante Home, dato che sarebbe incorporato nello schermo, nascosto sotto il display. Ciò significa che Apple potrebbe ancora adottare pannelli grandi e avanzati, come le rivali Samsung e Huawei. L’altro punto da notare è che è improbabile che il Face ID scompaia, quindi avremo comunque quel notch sempre così visibile in alto.

Il motivo è che il riconoscimento del volto di Apple è il migliore in circolazione, e tende ad essere molto più veloce per sbloccare il telefono. Ovviamente nulla è dato per scontato, sia per quanto riguarda un eventuale ritorno del Touch ID che una sua dipartita definitiva ma è evidente che la stessa Apple stia monitorando la situazione a livello globale, per meglio rispondere alle esigenze dei suoi clienti.

Leggi anche:  OKI Europe lancia la campagna “Adapt Today”