Indra ridurrà le sue emissioni dovute al consumo di energia del 50% nel 2030

IBM, obiettivo zero emissioni gas serra entro il 2030

L’azienda si impegna a rispettare gli obiettivi di riduzione delle emissioni per mantenere l’aumento della temperatura globale al di sotto di 1,5°C, secondo gli obiettivi scientifici e misurabili dell’iniziativa Science Based Target (SBTi), sponsorizzata dall’ONU

Indra si è impegnata a ridurre le sue emissioni di gas serra, secondo obiettivi misurabili basati sulla scienza, per contribuire a limitare il riscaldamento globale a un massimo di 1,5 gradi e si è posta l’obiettivo di ridurre a zero le sue emissioni nette entro il 2050. Questo impegno è in linea con l’Agenda 2030 e l’Accordo di Parigi, nonché con l’iniziativa Science Based Target (SBTi), a cui Indra ha aderito.

Indra si è posta obiettivi ambiziosi per ridurre il 50% delle emissioni di gas serra entro il 2030, secondo gli obiettivi scientifici (SBT) degli Scope 1 e 2, che si riferiscono principalmente alle emissioni derivanti dal consumo di combustibili fossili e di energia elettrica nei propri stabilimenti. Questi obiettivi prendono il 2019 come anno di riferimento, il che rende molto impegnativa la scadenza per raggiungerli.

Ma ciò che rappresenta un vero e proprio salto di qualità nel percorso di decarbonizzazione, per Indra, è che ha incluso impegni a lungo termine e ha ampliato il suo perimetro, dopo un’analisi esaustiva delle fonti di emissione più significative nella sua catena del valore. Per questo motivo, l’azienda assume il massimo livello di ambizione per limitare il riscaldamento globale ad un massimo di 1,5 gradi, quando SBTi accetta un obiettivo fino a 2 gradi, e si impegna ad essere totalmente carbon neutral entro il 2050, trasferendo questo requisito a tutta la sua catena di approvvigionamento.

Indra sta compiendo un grande passo avanti nella sua ambizione climatica ampliando il raggio della sua decarbonizzazione, con obiettivi SBT per lo Scope 3, che includono la riduzione e l’eliminazione finale delle emissioni derivanti principalmente dagli acquisti dai fornitori, così come dai viaggi di lavoro e dai viaggi regolari (pendolarismo) dei dipendenti.

Leggi anche:  Il robot-astronauta di IBM Cimon-2 supera tutte le prove sulla ISS

Tutti questi obiettivi sono già stati approvati dalla Commissione per la Sostenibilità di Indra, così come il traguardo intermedio dell’azzeramento delle emissioni da consumo energetico entro il 2040 e la riduzione delle emissioni dello Scope 3 del 50% rispetto all’anno di riferimento 2019.

Tutti gli obiettivi di Indra sono globali, il che significa un’ulteriore complessità dovuta ai quasi 200 centri di lavoro in più di 40 paesi in cui l’azienda è presente, ai quasi 50.000 dipendenti e agli oltre 7.000 fornitori, che rendono difficile la gestione delle emissioni di anidride carbonica.

Per raggiungere questi obiettivi impegnativi, l’azienda avvierà diverse iniziative per implementare misure di efficienza energetica, aumentare l’uso di energia verde, effettuare acquisti con una minore impronta di carbonio e promuovere una mobilità più sostenibile, tra le altre cose.

L’iniziativa SBTi a cui ha aderito Indra, promossa dal Global Compact delle Nazioni Unite, dal Carbon Disclosure Project (CDP), dal World Resources Institute (WRI) e dal World Wildlife Fund (WWF), mira ad aumentare l’impegno delle aziende nella gestione sostenibile e a promuovere soluzioni più ambiziose al cambiamento climatico e alla transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio.

Gli obiettivi generali e più specifici per la riduzione delle emissioni che Indra ha presentato saranno valutati e validati in modo indipendente dagli esperti tecnici di SBTi, in accordo con quanto gli scienziati del clima affermano essere necessari per raggiungere gli obiettivi dell’Accordo di Parigi. L’approvazione di questi obiettivi, prevista nei prossimi mesi, farebbe di Indra una delle cinque aziende Ibex 35 con obiettivi scientifici approvati da SBTi. L’azienda dovrà inoltre riferire annualmente in merito ai progressi compiuti verso il raggiungimento degli obiettivi prefissati.

Leggi anche:  SAP lancia la sfida “CleanTech” agli studenti universitari

Impegno contro il cambiamento climatico

L’adesione di Indra all’iniziativa SBTi e il percorso di decarbonizzazione intrapreso attraverso obiettivi concreti basati sulla scienza rafforzano l’impegno dell’azienda nei confronti dell’ambiente e della lotta ai cambiamenti climatici, allineandolo all’Accordo di Parigi, agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile e a quelli fissati dalla Commissione Europea, che auspica un’Europa a zero emissioni di carbonio nel 2050.

“In Indra abbiamo fissato obiettivi ambiziosi di riduzione delle emissioni basati sulla scienza per metterci all’avanguardia nella transizione verso un’economia a basso consumo di carbonio. Vogliamo essere l’alleato tecnologico dei nostri clienti nella sostenibilità e questa aspirazione inizia con la riduzione al minimo della nostra impronta di carbonio, oltre a sviluppare nuovi prodotti e servizi che aiutino i nostri clienti ad essere più sostenibili nelle loro azioni”, spiega Manuel Ausaverri, Direttore Sostenibilità, Innovazione e Strategia di Indra.

Indra ha reso pubblici i suoi nuovi impegni ambientali e ha adottato le migliori pratiche in un momento in cui era molto vicina al raggiungimento del suo obiettivo per il 2030, che, prendendo il 2013 come anno di riferimento, ha significato una riduzione del 75% delle emissioni di CO2 per dipendente.

Lo sforzo di Indra per migliorare le proprie performance è stato riconosciuto quest’anno dal Dow Jones Sustainability Index, in cui ha ottenuto il miglior punteggio possibile nel reporting ambientale e un notevole miglioramento del punteggio della sua strategia climatica, e dal FTSE4Good Index, che ha dato a Indra un punteggio eccezionale nella sua lotta contro il cambiamento climatico.

Dal 2010 l’azienda ha inoltre comunicato le proprie performance in termini di gestione dell’impronta di carbonio e di riduzione delle emissioni al Carbon Disclosure Project, che nel 2020 le ha attribuito il rating B.

Leggi anche:  Apple CarKey è disponibile per iPhone e Apple Watch

Il ruolo chiave della tecnologia

Oltre a combattere il cambiamento climatico adottando le migliori pratiche nelle sue politiche aziendali, Indra svolge un ruolo chiave nell’azione globale per il clima e nella transizione energetica attraverso la sua offerta in settori quali l’efficienza energetica, la riduzione dell’impatto ambientale delle città, la mobilità sostenibile o la prevenzione e la mitigazione degli effetti del cambiamento climatico, tra molti altri. Con la sua tecnologia, Indra aiuta i governi e le aziende ad essere più efficienti e sostenibili.

I nuovi obiettivi di riduzione delle emissioni di Indra, basati su dati scientifici e misurabili, sono una delle azioni previste nel suo Master Plan di sostenibilità 2020-2023, che mira a rafforzare il modello di governance responsabile di Indra, a promuovere la sua tecnologia con un impatto sullo sviluppo sostenibile e a contribuire attivamente alla lotta contro il cambiamento climatico. Le iniziative sul clima del Master Plan di Sostenibilità sono fondamentalmente mirate al raggiungimento di questi impegnativi obiettivi di SBT e allo sviluppo di un’offerta specifica di sostenibilità che include, tra le altre sfide, nuove soluzioni e servizi che contribuiscono a mitigare i cambiamenti climatici.