L’Intelligenza Artificiale può generare un DNA fasullo

L’Intelligenza Artificiale può generare un DNA fasullo

Un team di ricercatori in Estonia ha insegnato ad un software IA a generare sequenze inesistenti (ma valide) a livello molecolare

Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un vero boom di contenuti generati dall’intelligenza artificiale. Fake news, video fake, la validità di ciò che circonda il mondo digitale è perennemente in discussione. Qui si aprono tematiche anche maggiori: chi dice che ciò che posso toccare con mano o verificare di persona è reale mentre la sua controparte no? Di certo, l’etica legata alla tecnologia non troverà risposta da quanto effettuato da una serie di ricercatori in Estonia.

Anzi, renderà lo scenario pure più complicato. Un team di ricercatori estoni ha infatti sviluppato un sistema di apprendimento automatico in grado di generare sequenze genomiche uniche. Questi falsi generati dal computer potrebbero svolgere un ruolo fondamentale nel futuro della ricerca sul DNA.

Come è possibile

Secondo il documento del team, le reti neurali generative sono state utilizzate efficacemente in vari ambiti nell’ultimo decennio. “Nel nostro lavoro, applichiamo un concetto simile ai dati genetici per apprenderne automaticamente la struttura e, per la prima volta, produrre genomi realistici di alta qualità”. Soprannominati “genomi artificiali”, queste sequenze create dall’intelligenza artificiale sono indistinguibili dagli umani reali, ad eccezione del fatto che sono completamente sintetici. Ciò significa che i ricercatori non devono preoccuparsi dei problemi di privacy etica.

Secondo l’attuale paradigma di ricerca, i ricercatori devono salvaguardare il DNA al fine di garantire la privacy degli esseri umani a cui appartiene. Ciò comporta un rigore aggiuntivo e, in molti casi, una mancanza di dati disponibili a causa dell’impossibilità per le strutture di condividere i propri set di informazioni. I genomi sintetici dovrebbero fare molto per risolvere questi problemi e far avanzare la ricerca sul campo.

Leggi anche:  Casa 2.0: progettare la vita nel nuovo mondo del lavoro