Il Private Cloud come risposta alle nuove esigenze di connettività da remoto

Il Private Cloud come risposta alle nuove esigenze di connettività da remoto

Non solo versatilità ma anche sicurezza delle reti e governance con la soluzione virtualizzata di Aruba Enterprise

Quando si parla del boom avuto dalle soluzioni cloud negli ultimi anni, nonché mesi, vale sempre la pena fare un distinguo tra le varie tecnologie disponibili, almeno a livello macro. La perdita dei confini spaziali tra vita professionale e privata, ad esempio, ha accelerato la richiesta di piattaforme flessibili, sempre accessibili, ma anche governate e controllate come mai prima d’ora, proprio a causa della più ampia dislocazione dei dipendenti su varie aree del Paese e conseguente aumento delle problematiche di sicurezza informatica derivate dal remote working. La protezione delle reti che viaggiano fuori dalle mura dell’ufficio non è una questione nuova, non per chi si occupa da sempre di networking e trasformazione digitale. Una delle risposte a questa particolare esigenza di connettività può arrivare dall’offerta di cloud privati virtuali che, di fatto, uniscono la percezione e la protezione di un data center dedicato all’ottimizzazione dei costi resa possibile da un’infrastruttura condivisa. Tra i provider maggiormente esperti del settore c’è sicuramente Aruba Enterprise, che punta proprio su un cloud virtuale privato come modo migliore per creare un ambiente accessibile, veloce e con il giusto livello di autonomia.

Private Cloud Aruba, di cosa si tratta

Il Private Cloud nel portafoglio delle soluzioni cloud di Aruba Enterprise è un servizio IaaS che consente di gestire data center virtuali grazie alla piattaforma VMware NSX. L’utilizzo di VMware, leader di mercato nella gestione dell’infrastruttura cloud, garantisce una massima compatibilità e integrabilità con gli altri sistemi di virtualizzazione. Inoltre, al di là della creazione di virtual data center con macchine virtuali, firewall e reti, il cliente ha a disposizione anche una gestione delle risorse dedicata, con possibilità di espandere o ridurre le dotazioni in uso quando più ritiene opportuno (questo anche per far fronte all’andamento del suo business). In modo particolare, Private Cloud si qualifica per la Pubblica Amministrazione, visto che è già disponibile sul marketplace di AGID, con il nome di Aruba Virtual Private Cloud.

Leggi anche:  Wattsdat sceglie Retelit per la gestione in Multicloud dei servizi della piattaforma Digital Energy

A chi è rivolto

Dato il particolare momento storico in cui ci troviamo, Private Cloud è una soluzione che bene risponde alle necessità di collaborazione e hosting di aziende e soggetti di qualsiasi settore e dimensione. Uno dei suoi vantaggi è che può ospitare applicazioni web e controllare gli accessi dell’organizzazione in sicurezza ma anche riconvertire una piattaforma esistente all’interno di un’architettura cloud. Le operazioni di migrazione, ottimizzate, permettono di adottare rapidamente la nuvola, rispettando i più elevati requisiti di qualità, performance e difesa dei dati. L’eventuale uso per il Disaster Revovery as-a-Service consolida maggiormente la creazione di infrastrutture solide, ed è pensato per proteggere la rete in modo professionale, sia all’interno dell’azienda che sul Private Cloud Aruba

Le opportunità di integrazione

Ma, come anticipato, la scelta di un cloud privato valica la mera tecnologia (qui ci sono ulteriori approfondimenti). Un concetto ricorrente nell’ultimo periodo è quello di “resilienza”. E per essere resiliente, un’azienda non può che poggiare su una serie di piattaforme versatili e aperte alle personalizzazioni, naturalmente rivolte al futuro. All’interno di Private Cloud Aruba Enteprise, VMware Cloud Director si integra con il sistema di virtualizzazione del network VMware NSX, con la possibilità di interfacciare il proprio Private Cloud con altre infrastrutture, come cloud ibridi o public cloud, basati su VMware Cloud Director. Ulteriore beneficio è l’opportunità di godere di un’assistenza dedicata, 24/7, quale servizio incluso e fornito da un team specializzato. In sintesi, il Private Cloud promette una serie di vantaggi. Basti pensare alle piattaforme che sono ridimensionabili in tempo reale, gestite e configurate in maniera autonoma (con VMware Cloud Director), interoperabili, personalizzabili e con risorse computazionali ad uso esclusivo. A questo, si unisce il controllo trasparente sui costi, anche nel caso di guasti, che mai bloccano la produttività grazie al networking e agli storage ridondati di Aruba Enterprise.

Leggi anche:  La Premier League sceglie l'infrastruttura Oracle Cloud