Blue Origin completa il suo primo volo spaziale con Bezos a bordo

Blue Origin completa il suo primo volo spaziale con Bezos a bordo

Perfettamente riuscito il lancio ai confini dello spazio con ritorno alla base per l’equipaggio del New Shepard

Blue Origin entra ufficialmente nella storia dei viaggi spaziali, o quasi. La compagnia ha completato con successo il suo primo volo spaziale, portando Bezos, suo fratello, Wally Funk e il diciottenne Oliver Daemen oltre la linea di Kárman (100 chilometri sopra la Terra) prima che la loro capsula ritornasse indietro, nel deserto. Dopo il lancio, l razzo New Shepard è atterrato alla base, senza alcun problema. Il volo ha battuto più record. Comprendeva sia l’astronauta più anziano di sempre (Funk, 82 anni) che il più giovane (Daemen, 18 anni). E mentre Virgin Galactic è entrata per prima nello Spazio secondo la definizione della NASA, il volo di Blue Origin è stato l’unico, ad oggi, ad attraversare la linea di Kárman. SpaceX è stata la prima di queste aziende ad andare ben oltre, con la missione Crew-1, ma a bordo c’erano veri astronauti.

Il primo di una serie

Il volo ha rappresentato un’importante transizione per Blue Origin al servizio commerciale, dopo anni di voli di prova senza equipaggio. Ancora più importante, ha dimostrato che il volo spaziale umano privato sta diventando sempre più comune e possibile. Blue Origin, Virgin e SpaceX un tempo erano solo compagnie lungimiranti mentre ora è solo questione di tempo, prima che realizzino davvero tour oltre orbita. Entusiasti e sorridenti, i membri dell’equipaggio del volo NS-16 della Blue Origin sono saliti su New Shepard ad appena una trentina di minuti dal lancio: ad accoglierli il messaggio di benvenuto inviato dal centro di controllo, che li ha invitati a “sedersi e rilassarsi”, come dei veri turisti spaziali. “Congratulazioni al team di Blue Origin per il primo volo con equipaggio umano di New Shepard! Non vediamo l’ora di voli futuri con a bordo ricercatori e carichi tecnologici utili” ha twittato la NASA.

Leggi anche:  L’IT sostenibile può generare benefici significativi, ma non è una priorità per la maggior parte delle organizzazioni