È ufficiale: l’evento Pixel 6 di Google si svolge il 19 ottobre

iFixit estende il programma di riparazione ai Pixel 6 Pro

I due telefoni verranno svelati online ma non è detto arrivino in Italia

Finalmente sappiamo quando Google rivelerà Pixel 6 e Pixel 6 Pro: 19 ottobre. La società lo ha confermato alla stampa, con un invito per il suo prossimo evento virtuale, che sarà trasmesso in streaming a tutti alle 10:00 Pacific Time. In realtà c’è ben poco da scoprire, visto che la stessa Google ha già dato uno sguardo alquanto esaustivo al design esterno del telefono, annunciando la sua specifica più notevole: il nuovo processore Tensor interno.

L’azienda ha anche fornito alcuni dettagli sulla fotocamera e altre funzionalità. Purtroppo, come italiani, sappiamo pure che lo smartphone, in entrambe le declinazioni, non arriverà da noi, non in un primo periodo almeno. Resta da capire se lo sarà più in avanti, magari per la fine dell’anno, ma la situazione è comunque complessa, visto che anche il precedente Pixel 5, nel Bel Paese, non ha mai visto la luce, in maniera ufficiale quantomeno.

Come sarà

Ad ogni modo, ecco come saranno i dispositivi Pixel 6 e Pixel 6 Pro. Il Pro ha 3 fotocamere, il modello normale solo due. Entrambi i telefoni sono dotati di una fotocamera standard e ultrawide, ma a quest’ultimo manca un teleobiettivo. Il focus di Google Tensor sarà l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico, che secondo Google miglioreranno la fotocamera, i comandi vocali, la traduzione, i sottotitoli e la dettatura.

La fotocamera frontale è al centro del telefono. Il Pixel 6 più piccolo ha uno schermo da 6,4 pollici con una frequenza di aggiornamento di 90 Hz. Il Pixel 6 Pro ha uno diagonale da 6,7 ​​pollici, con una frequenza di aggiornamento di 12 0Hz. I telefoni utilizzeranno la nuova interfaccia utente Material You di Google in Android 12. Google afferma che i dispositivi sono “costruiti con il maggior numero di livelli di sicurezza hardware di qualsiasi altro telefono”.

Leggi anche:  HTC annuncia Vive Flow, il visore VR per fare yoga (e non solo)