Cisco: inizia una nuova era per l’Internet of Things su scala massiva

Cisco: inizia una nuova era per l’Internet of Things su scala massiva

La piattaforma SaaS evoluta di Cisco per l’IoT semplifica la gestione dei dati su scala massiva

Cisco ha introdotto importanti novità nella sua offerta per l’IoT, pensate per aiutare i service provider a proporre ai loro clienti un modo più semplice per gestire la connettività LPWAN/4G/5G IoT – per use case nuovi ed emergenti.

Le aziende che nei diversi settori cercano di evolvere le loro strategie digitali a sostegno del lavoro ibrido hanno bisogno di soluzioni semplificate per collegare e gestire i dispositivi a basso costo e prevalentemente stazionari distribuiti su larga scala (Mass IoT), come i contatori delle varie utility (acqua, energia, gas…)  dispositivi medici e sensori agricoli.

Per questo Cisco in occasione del Mobile World Congress di Barcellona ha presentato Cisco IoT Control Center, una soluzione che soddisfa le esigenze del settore per l’IoT “di massa” con un nuovo pacchetto di gestione della connettività semplificato e sicuro, pensato appositamente per i dispositivi IoT di minore complessità. Cisco IoT Control Center gestisce quasi 200 milioni di dispositivi oggi, attraverso tutte le reti cellulari con licenza (LPWAN/4G/5G), dando agli operatori e alle imprese la flessibilità di scegliere la rete che funziona meglio per il loro specifico caso d’uso.

I dispositivi stazionari consumano poca larghezza di banda, si comportano in modo prevedibile e spesso sono connessi su ampie aree usando reti 3GPP LPWAN. Le reti LPWAN supportano una vasta gamma di casi d’uso IoT: pensiamo a un contatore d’acqua che invia una raffica di dati una volta alla settimana, a un parchimetro cittadino che gestisce le transazioni durante il giorno e la notte, ecc.  La gestione remota di questi dispositivi è meno complessa rispetto a quelli che richiedono una raccolta dati continua, in tempo reale e mission critical, come le auto connesse.

Leggi anche:  Eurocar: rivoluzione digitale e top customer care con Snom

Con la nuova offerta Cisco IoT Control Center, che viene proposta come servizio in abbonamento, i fornitori di servizi possono ora affrontare l’intera gamma di use case aziendali – a bassa o alta complessità – da una singola piattaforma. Questa soluzione riduce la complessità della gestione della connettività e i costi senza compromettere la qualità, rendendo pratico e redditizio per i service provider crearsi nuovi flussi di entrata e capitalizzare le nuove opportunità del mercato IoT di massa.

“Siamo sempre alla ricerca di modi per rendere l’IoT più di valore e più facile da usare per i nostri clienti, e ora Cisco consente a KPN IoT di capitalizzare con profitto le opportunità del mercato LPWAN con l’IoT Control Center”, afferma Carolien Nijhuis, EVP, Internet of Things e Dataservices di KPN. “Offrire ai nostri clienti enterprise un’unica piattaforma per affrontare l’intera gamma di casi d’uso IoT è un grande vantaggio; riduce la complessità nelle implementazioni dei nostri clienti, sfrutta le integrazioni esistenti e migliora l’efficienza dei costi.”

“Siamo molto contenti di vedere queste nuove funzionalità IoT di massa disponibili sulla piattaforma IoT Control Center” afferma Marc Overton, Managing Director Division X, per il business Enterprise di BT. “Queste permetteranno di perseguire i segmenti emergenti dell’IoT a basso costo e bassa complessità, con una soluzione che soddisfa meglio le esigenze dei clienti”.

“Ci sforziamo di aiutare i nostri clienti service provider ad abilitare nuovi servizi e risultati di business per l’IoT di massa per semplificare la raccolta dati da milioni di dispositivi”, ha dichiarato Masum Mir, Vice President e General Manager, Cable, Mobile and IoT, Cisco. “Con queste nuove funzionalità in Cisco IoT Control Center, i nostri clienti possono espandersi nel mercato LPWAN utilizzando una piattaforma collaudata per aiutare una vasta gamma di industrie in crescita a realizzare ciò che il futuro dell’IoT mobile può fare per trasformare il loro business.”

Leggi anche:  Connettività e servizi, più efficienza per la sanità barese