Ritorno al futuro: Nokia lancia gli smartphone che sanno di 2014

Ritorno al futuro: Nokia lancia gli smartphone che sanno di 2014

I nuovi telefoni Android Go di Nokia hanno batterie rimovibili e specifiche superate

Come marchio Android, Nokia ha trovato il proprio posto nel mondo con smartphone più che economici. È una strategia che ha aiutato la sua società madre, HMD Global, a raggiungere il suo primo anno redditizio nel 2021. Una strada che spera di continuare con un secondo lotto di prodotti orientati al budget per il 2022. C21, C21 Plus e C2 (2a edizione) sono Android 11 (edizione Go) abbinati a processori modesti e opzioni di memoria limitate e porte micro-USB.

Niente NFC, nessun piano per gli aggiornamenti del sistema operativo, solo update di sicurezza trimestrali per i prossimi 2 anni. Ma ci sono delle chicche particolari: ad esempio Nokia C2 supporta la ricezione FM wireless, ovvero la radio senza utilizzare un paio di cuffie cablate che fungano da antenna. I telefoni saranno disponibili in tutta Europa a partire da aprile e con un prezzo base di 109 euro.

In un’epoca in cui ogni produttore di telefoni cerca di produrre dispositivi appariscenti e ricchi di specifiche, è comunque strano avere a che fare con un OEM che invece lavora in maniera classica: spendi poco, ottieni poco. Quanti prodotti ci sono oggi in giro con solo 1 GB di RAM o una singola fotocamera posteriore? Ovviamente, questi dispositivi sono progettati per chi non ha bisogno di uno smartphone che sappia fare tutto ma solo telefonare e controllare qualche email o i social.

Il 2021 è stato per Nokia un ottimo anno per le vendite di accessori, che sono raddoppiate. Ragion per cui, il brand ha svelato un paio di cuffie cablate e un modello wireless. Quest’ultime funzionano con un driver da 40 mm, Bluetooth 5.2 e godono di 60 ore di batterie, con un prezzo indicativo di 50 euro. La versione cablata è più economica, con i suoi 30 euro, e piacerà sicuramente ai nostalgici del 2014.

Leggi anche:  Vertiv supporta i supercomputer di Cineca nella battaglia al COVID-19