Serverplan, il cloud hosting come scelta vincente nella ripartenza

Serverplan, il cloud hosting come scelta vincente nella ripartenza

Risorse dedicate ma minori costi di gestione per ottimizzare il business delle organizzazioni di qualsiasi settore e dimensione

L’hosting cloud è, da tempo, una realtà consolidata per rendere le operazioni di business veloci, flessibili e attente ai costi. Nonostante vi sia ancora chi pensi che affidarsi ad un servizio cloud possa portare a problemi di sicurezza, alcune tecnologie hanno raggiunto livelli di difesa e interoperabilità da fugare qualsiasi dubbio in materia. Una tipologia di nuvola che si è affermata negli anni è quella dei server cloud. Sono vari i motivi per scegliere una soluzione del genere: i già citati costi accessibili ma anche il vantaggio di poter scalare le risorse hardware in modo trasparente, per rispondere a picchi di utilizzo o a periodi più bassi di fruizione. Lo sa bene Serverplan, che fa dell’offerta Cloud Server uno dei motivi del suo successo.

Soprattutto in periodi di ripresa economica, per aziende di qualsiasi dimensione e settore, scegliere una soluzione cloud che può adattarsi alle esigenze del momento diviene fondamentale. Con il Cloud Serverplan i prezzi sono calcolati in base alle risorse effettivamente utilizzate, così da non dare sorprese inattese ai clienti, che possono programmare la loro gestione come meglio credono.

Come ci spiega la compagnia nata nel 2002 a Cassino, con il sistema Cloud Serverplan si ha la possibilità di aumentare o ridurre (in tempo reale) le risorse, sostenendo la sola spesa di quanto si decide di allocare. In tal modo, il cloud permette di andare oltre le tipiche limitazioni del data center on-premise, che poco si confà a bisogni di flessibilità e versatilità, richiedendo tempistiche e modalità di adattamento più vicine ad una logica di lock-in, almeno dal punto di vista contrattuale, che di duttilità. Una flessibilità, quella di Cloud Serverplan, che si porta quindi dietro un minor costo diretto grazie al modello di fatturazione pay-per-use.

Leggi anche:  Cloud Nazionale: Almaviva e Aruba presentano manifestazione di interesse al MITD

Flessibilità e risparmio dei costi

Oltre al chiaro risparmio in termini di risorse economiche dovute alla gestione di una macchina on-premise, non bisogna dimenticare che un server sul cloud slega il cliente dalla necessità di dedicare una location all’hardware, liberando così uno spazio fisico in azienda, senza però rinunciare ad una governance completa delle informazioni conservate sulla nuvola. Chiunque sceglie Cloud Serverplan può sempre accedere e avere il pieno controllo della piattaforma, 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Tutto questo, affidandosi ad un’organizzazione in grado di supportare il processo di migrazione al cloud, suggerendo il pacchetto migliore a seconda dello scenario atteso dal cliente, utilizzando server con storage SSD NVMe, server in alta affidabilità (HA), VMware come sistema di virtualizzazione, traffico illimitato, connettività di 1 Gbit/s garantita sia verso Internet che tra server virtuali creati. Al cliente, viene dato accesso alla console web VMware vCloud Director, cosi da acquistare quantità variabili di risorse computazionali (vCPU, RAM e HD) e di rete (Virtual Lan, firewall, bilanciatori, VPN e IP pubblici), e gestire in data center virtuali in completa autonomia.

Il server cloud è indicato per tutte le società, dalle PMI alla Pubblica Amministrazione con certificazione Agid, Web Agency e Software House, per queste ultime due con possibilità di aderire ad un programma business dedicato e personalizzabile sulle specifiche esigenze. Dalla sua, Serverplan vanta anche una serie di certificazioni che attestano la qualità del servizio. Tra queste, la ISO 9000:2015, per i sistemi di gestione per la qualità, la 27001:2013, per la sicurezza delle informazioni, la 27017:2015 e 27018:2019, rispettivamente per i controlli di sicurezza per i servizi cloud e la protezione dei dati personali nei servizi di Public Cloud. Server Plan ha superato inoltre i controlli e le verifiche per essere parte del gruppo di fornitori cloud IaaS per la pubblica amministrazione oltre ai test qualitativi previsti per ottenere il marchio di garanzia del CISPE. Il fornitore è tra i pochi provider italiani a poter garantire il controllo diretto delle registrazioni dei domini e il mantenimento senza alcuna dipendenza da aziende esterne. Grazie all’accreditamento presso Eurid, ICANN, Nic e i registrar che forniscono le nuove estensioni, offre ai clienti la totale trasparenza nella registrazione dei domini.