La sostenibilità inizia dalla stampa

La sostenibilità inizia dalla stampa

Le regole da seguire in azienda per ridurre l’impatto ambientale

Dal 2011, il Global Risk Report del World Economic Forum ha identificato i rischi legati al cambiamento climatico come una delle principali minacce per le aziende. Si tratta di rischi di ampia portata, che hanno un impatto sulle attività, sulla conformità, sulle risorse umane e, non da ultimo, sulla strategia aziendale.

Da una ricerca commissionata da Brother tra il 2019 e l’inizio del 2020, basata su 893 decision maker aziendali e IT, emerge che la maggior parte delle PMI afferma il dovere di comportarsi in modo sostenibile (71%) e che il proprio successo futuro dipenderà dalla gestione sostenibile delle loro attività (68%). Ciò conferma che le aziende pongono la Responsabilità Sociale d’Impresa in cima alle proprie priorità commerciali.

Le tecnologie e i dispositivi per l’ufficio, compresa la stampa, costituiscono aspetti fondamentali da prendere in considerazione per la sostenibilità delle PMI. Tuttavia, sono ancora molte le misure strategiche che le aziende devono adottare per poter agire in un modo realmente sostenibile senza compromettere l’efficienza e gli obiettivi commerciali. Le PMI dovrebbero innanzitutto considerare l’intero ciclo di vita dei dispositivi di stampa, con particolare attenzione all’approvvigionamento, spesso trascurato. In caso di stampanti guaste, le aziende possono agire in modo sostenibile sostituendo le parti danneggiate della stampante con ricambi originali senza dover acquistare un nuovo dispositivo.

Inoltre, le principali attività sostenibili che le PMI dovrebbero intraprendere riguardano: il riciclo dei materiali, l’imballaggio, l’efficienza dei dispositivi hardware e l’approvvigionamento, la riduzione delle emissioni di CO2 e l’utilizzo della plastica.

Se le PMI vogliono davvero ottenere dei miglioramenti in termini di sostenibilità questo tipo di approccio è fondamentale. Attivarsi concretamente in materia di sostenibilità richiede sforzi effettivi e uno sconvolgimento dello status quo. Questo implica un intervento delle PMI anche in tema di riciclo. I fornitori di stampa, grazie a servizi dedicati, devono infatti facilitare il più possibile alle PMI il processo di riciclo delle cartucce e delle stampanti. Questo processo diventa molto più semplice quando le PMI noleggiano la loro tecnologia di stampa dai fornitori, in modo che il riciclo possa essere curato alla fine del ciclo di vita dei dispositivi da un fornitore esperto. Grazie al programma gratuito di riciclo toner Brother, i clienti possono facilmente restituire le cartucce e i toner esausti per la rigenerazione o il riciclo.

Leggi anche:  Il Galaxy S22 potrebbe essere il nuovo Note 22

Il programma europeo di recupero delle cartucce toner tramite il servizio postale non è disponibile per il mercato italiano. Infatti, la normativa ambientale italiana vieta il trasporto di un rifiuto utilizzando il sistema postale standard. Tuttavia, Brother Italia ha attivato un sistema di riciclo che funziona rapidamente ed è gratuito. Perché sappiamo che i programmi di riciclo hanno successo solo se sono facili e convenienti da implementare per i clienti. Come funziona il programma di riciclo toner Brother? È molto semplice: gli utenti possono richiedere dal sito www.brother.it il ritiro gratuito dei toner originali non ricondizionati; Brother si occuperà del ritiro, per poi riciclarli gratuitamente contribuendo fattivamente alla sostenibilità ambientale.