Snap rivela il suo primo drone, Pixy

Snap rivela il suo primo drone, Pixy

Novità presentata alla quarta edizione dello Snap Partner Summit

Snap ha presentato la sua prima “fotocamera volante” chiamata Pixy.  Si tratta di un drone in formato tascabile che funziona in autonomia, senza bisogno di controller né di set up complicati, per catturare foto e video. Vola  pochi metri sopra gli utenti e scatta per poi atterrare sul palmo della mano. Tutto il materiale viene scaricato e salvato all’interno dei propri ricordi su Snapchat.  Pixy sarà disponibile fino a esaurimento scorte, negli Stati Uniti e in Francia. Prima di far volare Pixy, gli Snapchatter dovranno verificare le leggi in vigore nei suddetti paesi. 

Pixy è un rettangolo arrotondato nella caratteristica tonalità gialla di Snap con eliche arancioni traslucide. Il drone dispone di una porta USB-C, presumibilmente per la ricarica, oltre che di una batteria removibile sul fondo; non è chiaro come sia trattenuta la batteria, ma sembra avere un fermo a pulsante su un’estremità. Funziona su frequenze di 2,4 GHz, come la maggior parte degli altri droni, anche se è supportato anche il 5 GHz a corto raggio per uso interno. Non manca il Bluetooth per il trasferimento dei contenuti sullo smartphone, subito dopo la cattura.

Ci sono quattro percorsi di volo preconfigurati. Si può dire a Pixy di fluttuare, orbitare intorno all’utente o seguirlo mentre cammina o corre. Selezionata la modalità, basta premere il pulsante e Pixy parte in volo. Pixy cattura video da 2,7k e foto da 12 MP. È molto leggero, pesa solo 101 g con la batteria sostituibile e, con una singola carica, riesce a eseguire da cinque a otto voli. Il prezzo è di 250 dollari.

Leggi anche:  Sostenibilità e ambiente: è possibile un futuro net-zero?