Qintesi, la sostenibilità riguarda le persone

Qintesi, la sostenibilità riguarda le persone

Sostenibilità economica, sociale e ambientale, la tech company specializzata in management consulting e system integration punta a un percorso virtuoso per migliorare la qualità della vita aziendale

Crescere in modo sostenibile è tra gli obiettivi di Qintesi, tech company che eroga servizi di management consulting e system integration. Nata nel 2011, la tech company è oggi un gruppo che comprende, oltre a Qintesi, Qintesi Technology & Services che progetta e realizza infrastrutture tecnologiche, gestisce servizi di maintenance, di outsourcing amministrativo e provisioning di servizi esterni e IT-Link, system integrator e rivenditore ufficiale dei prodotti SAP, con competenze verticali nel settore manufacturing e nelle applicazioni Industry 4.0 e IoT. Il Gruppo sta puntando sulla sostenibilità per compiere un cammino virtuoso, anche in un’ottica di compliance. «Nel nostro percorso, abbiamo inserito progetti per migliorare la qualità del nostro lavoro» – spiega Angelo Amaglio, presidente di Qintesi. «Mi riferisco alla certificazione ISO 9001, ottenuta nel 2015, al Rating di Legalità che certifica l’attenzione posta sui principi etici nei comportamenti aziendali, all’adozione del modello organizzativo 231, che favorisce l’applicazione di un codice etico legato alla conformità e alla tutela degli stakeholder. Abbiamo recentemente conseguito anche la certificazione ISO 27001 che attesta la qualità di Qintesi nella gestione e protezione delle informazioni secondo le best practice internazionali. Dal 2021 abbiamo deciso di perseguire un modello di sostenibilità; la prima tappa è stata acquisire la consapevolezza dell’importanza della sostenibilità in un percorso di crescita». Il secondo aspetto, su cui Qintesi si è focalizzata, è l’attenzione alle persone. «Siamo una people company» – dichiara Amaglio. «Il concetto di sostenibilità, nella nostra azienda, tocca non solo l’aspetto ambientale e riguarda soprattutto la qualità della vita, del lavoro, dei rapporti tra individui. Abbiamo costituito un gruppo di lavoro che ha predisposto un modello di responsabilità sociale. Nel marzo 2022, il CDA ha approvato la strategia proposta da questo gruppo e si è occupato anche di corporate social responsibility. Entro il 2023, l’obiettivo è produrre il bilancio di sostenibilità».

Leggi anche:  Dedagroup approva il bilancio dell'esercizio 2021

PARTNERSHIP VINCENTI

Qintesi è Gold Partner SAP con la qualifica di Service Partner e Build Partner e ha ottenuto molti riconoscimenti. «SAP è un partner strategico, su cui investiamo molto» – continua Amaglio. «Siamo Value Added Reseller attraverso IT-Link e Preferred Partner della divisione Servizi professionali di SAP. Di recente, abbiamo aggiunto anche la partnership con Google; siamo Google Cloud Partner perché riteniamo che il mondo del cloud e dei Big Data possa beneficiare della complementarità e della simbiosi tra tecnologie». Da alcuni anni, Qintesi sta puntando alla crescita anche per linee esterne, per acquisire ulteriori competenze e per una migliore presenza sul territorio. «Abbiamo acquisito le quote di maggioranza di IT-Link, VAR SAP con competenze nel digital manufacturing e sedi a Brescia e Mantova. Entro fine 2022 arriveremo al controllo integrale dell’azienda» – spiega il presidente di Qintesi, che ha annunciato anche l’ingresso nel capitale di ITHUDE. «In questo modo, siamo più presenti su una piazza strategica, come quella di Roma, per costruire, insieme all’azienda, un forte polo focalizzato su business intelligence e corporate performance management».

VALORIZZARE LE PROPRIE RADICI

Qintesi è oggi attiva anche presso il cluster Information & Communication Technology di Kilometro Rosso (Bergamo), con una sede che si affianca a quelle di Milano e di Marcon (Venezia). «Anche l’essere parte di Kilometro Rosso, innovation district di fama internazionale, risponde all’esigenza di territorialità diffusa e di valorizzazione delle nostre radici» – mette in evidenza Amaglio. Dal 2022, Qintesi sostiene anche il progetto “Ambasciatori di Donizetti”, a supporto del Festival Donizetti Opera di Bergamo. «Appoggiare questa iniziativa significa dare un segnale di sostenibilità sociale e culturale, rendendo omaggio alle nostre radici bergamasche e a un personaggio, come Gaetano Donizetti, che da Bergamo ha raggiunto importanti traguardi in Italia e in Europa, e rappresenta per noi fonte di ispirazione» – conclude Amaglio.