Tesla contro i video sui crash test

Tesla contro i video sui crash test

L’azienda chiede di rimuovere i filmati dove i suoi veicoli investono manichini a misura di bambino

Tesla chiede a un gruppo di difesa di rimuovere i video dei suoi veicoli che passano su manichini a misura di bambino, intensificando il dibattito sulla sicurezza del software Full Self-Driving dell’azienda. La compagnia ha inviato una lettera di richiesta cessazione al Dawn Project, un gruppo anti-Tesla guidato dallo sviluppatore di software Dan O’Dowd. Nel documento, l’azienda sostiene che i video sono diffamatori e travisa le capacità della sua tecnologia di assistenza alla guida. La lettera è stata segnalata per la prima volta dal Washington Post.

“Ci siamo accorti che tu, personalmente e The Dawn Project avete denigrato gli interessi commerciali di Tesla e diffuso al pubblico informazioni diffamatorie in merito alle capacità della tecnologia Full Self Driving (FSD) (Beta) di Tesla”, scrive Dinna Eskin, senior e vice consigliere generale di Tesla. “Chiediamo di cessare immediatamente e desistere dall’ulteriore diffusione di tutte le informazioni diffamatorie, emettere una ritrattazione pubblica formale entro 24 ore e fornire a Tesla la documentazione richiesta”.

La lettera arriva pochi giorni dopo che YouTube ha rimosso diversi video che mostrano i conducenti di Tesla che eseguono i propri test di sicurezza per determinare se il software Full Self-Driving (FSD) dell’azienda si ferma automaticamente davanti a bambini che camminano o si trovano sulla strada. Molti filmati mostrano i veicoli procedere senza alcuna avvisaglia di arresto quando intravedono un piccolo manichino, che dovrebbe rappresentare i bimbi. C’è da dire che nessuno fa niente per niente: Dan O’Dowd è diventato un controverso leader del gruppo anti Tesla anche perché gestisce la Green Hills Software, che produce sistemi operativi per aeroplani e automobili, un potenziale concorrente nel mercato dei software per auto.

Leggi anche:  IBM presenta il processore quantistico di nuova generazione insieme all’IBM Quantum System Two