Il Garante della privacy blocca i cookie di proliferazione senza consenso

Il Garante della privacy ha imposto nuove regole sui cookies utilizzati per inviare messaggi pubblicitari mirati. Senza il consenso dell’utente non potranno essere installati

Il Garante della privacy, che ha diffuso le nuove regole imposte alle PA per il trattamento dei dati dei cittadini, ha stabilito che senza consenso dell’utente non potranno essere installati cookies a scopo pubblicitario. Il provvedimento, già pubblicato sulla Gazzetta ufficiale, è stato adottato a termine di una consultazione pubblica. “La procedura semplificata consentirà agevolmente ai navigatori di manifestare un consenso davvero libero e consapevole”, ha spiegato il Garante Antonello Soro.

Le nuove regole sui cookies

La nuova regola impone ai siti web di mostrare un banner informativo ben visibile al primo accesso dell’utente alla home o ad un’altra pagina. Nell’informativa deve essere indicato se vengono utilizzati cookies di proliferazione per inviare pubblicità mirata e se questi provengono anche da terze parti. Nel banner deve essere contenuto anche il link ad un documento più dettagliato in cui è spiegato l’uso dei cookies da parte del sito e dove è possibile negare direttamente il consenso all’installazione dei software o collegandosi ad altri siti nel caso di cookies di terze parti. Infine, il sito deve segnalare che continuando con la navigazione si approva l’uso la raccolta di dati per l’invio di pubblicità mirata.

L’utente potrà rivedere la sua decisione attraverso l’informativa più ampia, che deve essere linkabile ad ogni pagine del sito.

Leggi anche:  Al via la Maratona di STEMintheCity per promuovere la cultura digitale e le discipline tecnico-scientifiche