Stampa 3D: è l’ora del carbonio

Dopo i primi “giocattolini” che realizzano oggetti in plastica, arriva la prima macchina in grado di stampare in fibra di carbonio. Costa 5 mila dollari

Resterà nella storia la Mark One, prima stampante 3D al mondo che riesce a riprodurre oggetti in fibra di carbonio, Creata dalla startup americana Mark Forged, diventerà la macchina dei desideri dei reparti di produzione componentistica di tutto il mondo. Mark One, a differenza delle stampanti 3D vendute finora, è in grado di realizzare componenti in nylon, fibra di vetro e PLA, ovvero un derivato di materiali riciclati. Rispetto alle stampanti 3D viste fino ad oggi, questa può riprodurre oggetti che, visti i materiali di composizione, sono molto più resistenti e utilizzabili ad ampio raggio. 

La nuova era del 3D

Il costo della Mark One è di 5 mila dollari, un prezzo che potrebbe sembrare eccessivo ma che è in linea con ambiti di produzione di aziende di piccole e medie dimensioni. Si potrà acquistare, in preordine, sul sito della Mark Forged. Oltre al nuovo modello, la nuova flotta di stampanti 3D si arricchisce di quelle che possono stampare in una sola sessione oggetti in diverse tonalità di colore. Il processo è reso possibile dalla combinazione di polimeri flessibili, duri e morbidi che permettono di realizzare oggetti finali “multimateriale”.

Leggi anche:  Capgemini supporta l’ESA nell’esplorazione delle biomasse forestali dallo spazio