Steve Jobs non voleva la Apple TV: “Un pessimo affare”

Una giornalista statunitense riferisce che Jobs considerava la Apple TV “un pessimo affare” e un “business con margini ristretti”

La giornalista Yukari Iwatari Kane lancia una clamorosa indiscrezione. Nel suo libro “Haunted Empire: Apple After Steve Jobs” la report del Wall Street Journal afferma che il co-fondatore di Apple Steve Jobs, che presto apparirà in un francobollo, non aveva nessuna intenzione di creare la Apple TV. La Kane afferma che in una delle ultime riunioni tenute da Jobs il numero uno della Mela, che ha brevettato il telemonitoraggio per i propri prodotti, avrebbe definito una TV made in Cupertino “un pessimo affare”, in quanto “era un business con margini ristretti”. Il problema principale del dispositivo sarebbe stato la mancanza di contenuti.

La Apple TV si farà?

Le dichiarazioni della Kane contraddicono quelle riportate da Walter Isaacson nella sua biografia di Jobs. Il giornalista infatti afferma che il defunto creatore dei Mac, che hanno da poco festeggiato i 30 anni, era intenzionato a realizzare “una tv integrata facile da usare, sincronizzata con tutti i dispositivi dell’utente e con iCloud”. Inoltre, anche le voci che circolano in Rete sembrano confermare che la Apple TV sarà effettivamente annunciata, anche se la data non è ancora stata stabilita.

Leggi anche:  TIM, la realtà virtuale fa rivivere lo splendore del Mausoleo di Augusto