Turismo 2.0, in Italia funziona

flussi turistici

Bto -Buy tourism online, l’evento promosso da Toscana Promozione e Regione Toscana, ha messo in luce come il web abbia cambiato in meglio il settore del turismo e aperto possibilità infinite sia per l’aziende che per i consumatori

Le parole d’ordine dell’evento, in programma a Firenze dal 29 al 30 novembre 2012, sono: promozione e condivisione.

Il viaggio si prenota online

Le prenotazioni online sono cresciute del 20,6% nel 2011, per un fatturato di 4,8 miliardi di euro. Nel 2012 le stime parlano di un’ulteriore crescita del 10,15. L’anno passato il mercato dei viaggi, sia online che offline, è cresciuto del 3,6%. In Italia, nel 2011, le prenotazioni tramite le online travel agency, per esempio booking.com, sono cresciute del 28%, per un fatturato di 2,2 miliardi.

La reputazione è tutto

Lo strumento preferito dagli italiani per prenotare i propri viaggi è ovviamente lo smartphone, visto che l’Italia è uno dei Paesi con la più alta concentrazione di device rispetto al numero di abitanti. Sempre più connazionali pensano che il web sia una fonte di informazioni credibile sulle strutture alberghiere e sui luoghi turistici. In Europa il 64% si affida a siti di recensioni online mentre negli Stati Uniti la percentuale è del 70%. Negli ultimi quattro anni la fiducia nelle recensioni online è cresciuta del 16% e il 35% degli utenti sceglie il luogo di villeggiatura in base alle opinioni trovate in Rete e sui social network. Anche le Regioni hanno visto nel social un veicolo di pubblicità importante, tanto che la maggior parte di esse ha un account Twitter. Emilia Romagna e Marche primeggiano nell’utilizzo dei tweet mentre Toscana e Puglia hanno il maggior numero di follower.

Leggi anche:  Twitter scimmiotta Reddit con il lancio della sua funzione “Community”

Il turismo in Italia funziona

A dimostrazione che il nostro Paese ha nel turismo uno dei suoi punti di forza, Tripadvisor, facendo una media tra tutte le strutture recensite, ha riscontrato in Italia una votazione media di 4,2/5, che la rende il Paese europeo con il punteggio più alto. La Regione italiana preferita rimane la Toscana che ha ottenuto il Global Review Index più alto della media nazionale: 4.22 su 5.