Wikipedia batte Previti: “non è responsabile dei contenuti postati”

Il Tribunale di Roma ha assolto Wikipedia dalla responsabilità dei contenuti presenti sulla pagina dedicata all’avvocato Cesare Previti e da lui ritenuti offensivi

Wikimedia Foundation, la società che gestisce Wikipedia, ha vinto la causa che la vedeva coinvolta con Cesare Previti, ex ministro della Difesa durante il primo Governo Belusconi. L’avvocato riteneva che la fondazione fosse responsabile del reato di diffamazione a causa di un “pettegolezzo pseudo giornalistico alimentato dall’opera di soggetti assolutamente inattendibili” apparso sulla pagina a lui dedicata sull’enciclopedia online, che ha recentemente lanciato la funzione Nearby. Il Tribunale di Roma il 20 giugno scorso ha dato ragione a Wikimedia.

Wikimedia non è responsabile dei contenuti

La Corte capitolina ha sottolineato come su Wikipedia, che conta più di un milione di pagine in Italia, sia specificato più volte che essa fornisce solo la piattaforma su cui inserire le informazioni. Se queste siano corrette o meno non è sua responsabilità. La logica open souce infatti impone che siano gli utenti a correggere eventuali errori e quindi Previti avrebbe dovuto segnalare ai moderatori italiani la parte ritenuta diffamante oppure provvederne lui stesso alla cancellazione.

“Decisioni come quelle del Tribunale civile di Roma in questo caso aiutano a garantire la sopravvivenza di Wikipedia, – fanno sapere dalla fondazione – ed è per questo motivo che la decisione non è solamente una vittoria per Wikimedia Foundation, ma anche per tutti coloro che usano i progetti Wikimedia”.

Una sentenza molto simile ha riguardato il sito di file sharing Rapidgator, bloccato dalla Guardia di Finanza insieme ad altri 27 portali che offrivano lo stesso servizio per la presenza di un file pirata.

Leggi anche:  Business in Action, da SAP le ricette per la New Normality