Ello, il social network che ha detto no alla pubblicità

ello social network

Ello è il primo social network che ha eliminato pubblicità e inserzionisti e si sostiene attraverso la vendita di servizi

Nel giorno in cui Facebook annuncia la disponibilità della nuova piattaforma advertising Atlas c’è chi va contro tendenza e non vuole saperne di inserzionisti. Ello è un nuovo social network esclusivo e gratuito che ha detto no alla pubblicità. “Facebook, Google e Tumblr non sono dei veri social network. Sono piattaforme per la pubblicità. Esistono per venderla. Questo è tutto”, ha detto il fondatore, Paul Budnitz.

Ello: “Non sei un prodotto”

I creatori di Ello sono convinti che la pubblicità online sia fin troppo invasiva e per questo hanno creato una piccola rete dove la privacy degli utenti e i loro dati appartengono solo a loro. Nei tradizionali social network, si legge nella descrizione del social network, “tu sei il prodotto che viene comprato e venduto”. Altre piattaforme come Facebook o Twitter, che si sta preparando ad incontrare i suoi sviluppatori, sono “gestite dagli inserzionisti”. “Ello è un social network semplice, bello, e senza pubblicità creata da un piccolo gruppo di artisti e designer” che “non vende annunci” o “dati relativi a terzi”. “Raccogliere e vendere i vostri dati personali, leggere i tuoi messaggi e dei tuoi amici, e mappare le connessioni sociali per il profitto è sia inquietante e immorale”, affermano i creatori della piattaforma. Il social network utilizzerà i pochi dati degli utenti raccolti solo per capire come gli utenti lo utilizzano.

Viene spontaneo chiedersi come Ello possa generare profitto. La risposta è vendendo piccoli servizi ed app.”Occasionalmente offriamo caratteristiche speciali per i nostri utenti. Se creiamo una funzione speciale che ti piace molto, si può scegliere di sostenere Ello pagando una piccola somma di denaro per aggiungere tale funzionalità al tuo account”, si legge sul social network. Al momento Ello è disponibile solo su invito ma con l’allargarsi della rete diverrà probabilmente aperto a tutti.

Leggi anche:  Facebook vieta le pubblicità sulle cospirazioni del coronavirus