Facebook Atlas: la nuova piattaforma pubblicitaria di Zuckerberg

Facebook instagram compravendita armi

Il Wall Street Journal afferma che Facebook potrebbe a breve lanciare Facebook Atlas, una nuova piattaforma pubblicitaria dedicata all’advertising social

Da tempo si parla del possibile lancio di una nuova piattaforma pubblicitaria da parte di Facebook e secondo il Wall Street Journal quel momento si avvicina. Il nuovo servizio dovrebbe chiamarsi Facebook Atlas e permetterà agli inserzionisti di migliorare il target delle proprie campagne e la misurazione della loro efficacia. La piattaforma è basata su Atlas Solutions, startup specializzata nell’advertising sul web acquista da Microsoft nel 2013.

Facebook Atlas: advertising secondo Facebook

Sebbene Facebook mantenga il più stretto riserbo sulla nuova piattaforma pubblicitaria gli indizi di un suo imminente lancio ci sono tutti. Il social di Menlo Park, che ha portato il suo “dinosauro blu” anche in Italia, ha acquistato LiveRail per migliorare l’advertising video e ha predisposto nuovi strumenti per migliorare le campagne social e renderle più personalizzate. Ad esempio, nel prossimo futuro Facebook potrebbe chiedere agli utente il motivo per cui nascondo un annuncio. Inoltre il lancio di Facebook Media, un portale online dedicato al marketing social specifico per i creatori di contenuti, è un altro segnale da non sottovalutare. Facebook Atlas sarà un hub per inserzionisti e agenzie in cui affinare i propri strumenti di monitoraggio degli annunci e delle abitudini sociali degli utenti. L’obiettivo è anche comprendere come quest’ultime influenzano i loro acquisti.

Facebook vs Google

Facebook, che trae la maggior parte dei suoi guadagni dalla pubblicità su mobile, può vantare rispetto a Google Andsense una superiore interazione con gli utenti grazie ai collegamenti su siti esterni (like e login). Nonostante ciò, secondo eMarketer Big G controllerà il 31% del mercato advertising nel 2014 contro il 7,8% del social network di Zuckerberg.

Leggi anche:  Apple Music, non si direbbe, è un successo