Ricoh stampa in digitale per Fratelli Carli a Imperia

L’installazione di stampanti digitali in bianco e nero e a colori targate Ricoh si sposa con le procedure altamente automatizzate di uno dei leader italiani nel precision marketing

Marco Gardini, IT Operations Manager di Fratelli Carli

La terminologia si è evoluta nel tempo, ma il concetto di fondo resta sempre lo stesso: attenzione al cliente. È in questo spirito che la Fratelli Carli di Imperia, azienda nata nel lontano 1911 su iniziativa del fondatore Giovanni Carli, che decise di utilizzare la tipografia familiare per sponsorizzare l’olio d’oliva di sua produzione, ha abbracciato da sempre l’innovazione tecnologica. In particolare, la Carli ha organizzato e fatto evolvere negli anni un centro informatico e un centro stampa interno, che oggi si sono dotati delle più recenti tecnologie per realizzare le campagne postali (particolare punto di forza dell’azienda) e automatizzare il processo produttivo.

Una gamma di prodotti in crescita

All’olio d’oliva, asset storico dell’azienda e punto di forza dell’offerta, la Fratelli Carli ha negli anni affiancato una serie di altri prodotti, quali pesto, sughi pronti, prodotti del territorio e una gamma di cosmetici naturali. La Carli possiede oliveti propri e un laboratorio di certificazione interno che rilascia certificati di qualità secondo le normative internazionali di settore. La particolare scelta della distribuzione diretta, affidata ad addetti distribuiti sul territorio italiano che vi provvedono con mezzi propri, ha reso famosa Carli presso i consumatori finali e obbliga l’azienda a mantenere e controllare sempre un livello di qualità e di attenzione al servizio particolarmente elevato.

«Fratelli Carli ha deciso fin dal 1974 di dotarsi di un centro elaborazione dati interno – esordisce Marco Gardini, IT Operations Manager di Fratelli Carli -, basato su mainframe e stampanti a impatto Ibm. La prima stampante laser l’abbiamo introdotta nel 1989; in media, il nostro hardware viene fatto evolvere ogni tre anni». È così che, nel 2007, Carli decide di introdurre le stampanti Infoprint 4100 Hs1, separandole dal centro elaborazione dati e sistemandole nel Centro stampa. «Nel 2012, a valle di uno studio per migliorare la comunicazione cartacea dell’azienda, abbiamo deciso di installare delle stampanti a colori Ricoh C901 – aggiunge Gardini -, che, da quest’anno, sono state affiancate in centro stampa dalle Ricoh Ip5000 Ad1/Ad2, a getto d’inchiostro». La scelta è stata fatta a seguito di un’elaborata fase di scouting sul mercato, specifica Gardini. «Perciò oggi siamo in grado di stampare materiale di altissima qualità a colori e ad altissimi volumi con costi controllati», grazie a Ricoh.

Leggi anche:  Schneider Electric amplia la gamma Easy-UPS

Grazie agli investimenti e alle scelte fatte, oggi la Fratelli Carli è un’azienda “B Corp”. Si tratta di aziende (circa 1.000 in tutto il mondo oggi) che rispettano volontariamente elevati standard in termini di performance, responsabilità (verso clienti, personale e ambiente) e trasparenza e che viene dettagliato ogni due anni da un apposito “Benefit report”.

«Oggi siamo anche in grado di stampare un certificato di qualità riferito all’olio che spediamo e inserito automaticamente nella scatola che viene spedita al cliente, in più lingue», conclude Gardini.

L’attenzione al cliente viene dimostrata dalla Fratelli Carli anche attraverso iniziative importanti, quali il Museo dell’Olivo, un viaggio virtuale attraverso gli oltre 6 millenni di storia nota dell’olio d’oliva, attraverso il Mediterraneo e la cura degli alberi d’Olivo.