Xiaomi lavora a uno smartphone per il gaming

Xiaomi lavora a uno smartphone per il gaming
  • 5
  •  
  •  
  •  
  • 2
  •  
  •  
    7
    Shares

Xiaomi sta per lanciare uno smartphone dedicato ai videogiochi con un sofisticato sistema di raffreddamento

Da qualche anno a questa parte le app più scaricate su smartphone sono senza dubbio i giochi. L’introduzione della realtà aumentata grazie a Pokémon Go unita agli schermi sempre più ampi dei dispositivi ha reso questo tipo di contenuti sempre più apprezzati dagli utenti. Anche Nintendo si è accorta delle potenzialità di questo mercato e con alterne fortune ha realizzato giochi appositamente per dispositivi mobili, che presto avranno un collegamento ancora più diretto con la console Switch. Ora anche Xiaomi pare si voglia avvicinare al gaming con un dispositivo pensato appositamente a questo scopo.

Xiaomi presenterà a San Valentino il suo Redmi Note 5 ma a breve dovrebbe arrivare un terminale concettualmente simile a Razer Phone, lo smartphone per videogiocatori. Dalla Cina arrivano conferme che un’azienda di proprietà del brand di Pechino, che settimana scorsa ha ufficialmente avviato la distribuzione diretta dei suoi prodotti in Italia, sta lavorando a questo progetto. La sussidiaria si chiama Black Shark e in questi giorni ha fatto il suo debutto sulla piattaforma social Weibo. Al momento sappiamo pochissimo dello smartphone per il gaming di Xiaomi. Pare che gli ingegneri stiano lavorando a un sistema di raffreddamento particolarmente efficiente per sostenere l’eccessivo calore derivante dal lavoro di processore e GPU. Stando agli ultimi rumors il dispositivo sarebbe comunque già a buon punto e potrebbe arrivare nei prossimi mesi.

Nel frattempo anche il colosso Google ha aumentato i suoi sforzi in ambito gaming. Si vocifera che Big G sia lavorando a una vera e propria console in grado di competere con PlayStation e Xbox a cui sarà associato un servizio di streaming per videogiochi sulla falsariga di PlayStation Now. A questo progetto potrebbero contribuire anche gli ingegneri di Nest, che da qualche giorno è tornata sotto il controllo diretto della divisione hardware di Google.


  • 5
  •  
  •  
  •  
  • 2
  •  
  •  
    7
    Shares
Categorie: Hardware