WhatsApp prepara una funzione per combattere lo spam

WhatsApp testa la vacation mode
La Vacation Mode di WhatsApp permette di silenziare una chat e le notifiche per i nuovi messaggi

WhatsApp combatte lo spam con un sistema di avvisi che segnala quando si invia o riceve un link a un sito potenzialmente pericoloso

Molto spesso WhatsApp viene utilizzato suo malgrado per diffondere spam e truffe telematiche. L’app di messaggistica ha deciso di porre definitivamente rimedio a questo problema lavorando a una nuova funzione attualmente in fase di test a partire dalla beta della versione 2.18.204 per Android. Questo nuovo strumento messo a disposizione dalla chat più utilizzata al mondo, che sta dando maggiore potere agli amministratori dei gruppi, avvertirà l’utente quando riceve o invia un link o un contenuto sospetto all’interno di una conversazione.

WABetaInfo ha spiegato il funzionamento della nuova funzione. WhatsApp analizzerà in automatico qualsiasi messaggio contenente un collegamento ipertestuale per scoprire se il reindirizzeramento porta a un sito web falso o pericoloso. Nel caso in cui ci siano indizi rilevanti in merito a un pericolo per la sicurezza dell’utente, il contenuto verrà contrassegnato con un’etichetta rossa. Gli utilizzatori dell’app potranno comunque cliccare sul link se lo desiderano ma riceveranno un ulteriore avviso simile a quello che segue:  “Questo link contiene caratteri insoliti. Potrebbe esteticamente apparire come un altro sito”. WABetaInfo inoltre riferisce che l’analisi dei contenuti sarà effettuata a livello locale e nulla verrà inviato ai server di WhatsApp, che a breve consentirà anche di nascondere le foto e video ricevuti per liberare spazio sullo smartphone. L’app di messaggistica starebbe inoltre lavorando a un sistema per sapere se un messaggio è stato scritto dall’utente o è stato inoltrato. Quest’ultima funzione nasce dall’esigenza di rispondere alle critiche del governo indiano, che ha accusato l’azienda di aver favorito la diffusione di messaggi falsi che hanno portato all’uccisione di alcune persone.

Leggi anche:  Amazon torna a vendere Chromecast di Google, ma solo negli USA