Facebook lavora ai suoi occhiali per la realtà aumentata

Facebook rende open source il modello di raccomandazione Deep Learning Recommendation Model

Facebook sta progettando un paio di occhiali per la realtà aumentata. L’obiettivo del social network è quello di integrare questa tecnologia con la realtà virtuale

I Google Glass sono stati un esperimento fallimentare ma le grandi aziende del settore hi-tech non hanno abbandonato l’idea di realizzare un visore per la realtà aumentata. Lo dimostra l’impegno di Microsoft nello sviluppo dei suoi HoloLens. Facebook ad esempio si occupa di realtà virtuale tramite Oculus, anche se pare abbia sospeso i lavori per la seconda versione del suo dispositivo VR top di gamma, ma anche di realtà aumentata con progetti legati al settore gaming, pubblicità e ovviamente social. L’azienda di Menlo Park avrebbe quindi creato un team dedicato alla realizzazione di una propria versione di Google Glass e la conferma è arrivata da Ficus Kirkpatrick, numero uno del settore AR di Facebook. “Vogliamo vedere questo tipo di occhiali diventare realtà, e penso che vorremo fare la nostra parte nel rendere ciò possibile”, ha detto l’ingegnere a TechCrunch.

Kirkpatrick ritiene che realtà virtuale e aumentata siano due tecnologie complementari e soprattutto che non porteranno a una realtà in cui l’utente si perderà in un mondo digitale perdendo di vista quello reale. “Non penso che avremo una convergenza verso un solo dispositivo. – ha detto il manager di Facebook – Non penso che finiremo come in Ready Player One dove tutti sono nella realtà virtuale tutto il tempo. Penso che condurremo ancora le stesse vite che conduciamo ora, dove uno sta a casa e ha un momento di fuga in un’esperienza immersiva o usa la VR per trasportarsi altrove. Ma penso che cose come le persone con cui uno entra in contatto, le cose che uno fa, lo stato delle applicazioni e tutto il resto debba anche poter essere portato con sé in giro, e penso che sia questo ciò a cui pensiamo quando si parla di AR”. Per vedere gli occhiali per la realtà aumentata di Facebook potrebbero comunque volerci ancora diversi anni.

Leggi anche:  Amazon: nuove conferme sul robot maggiordomo