Dalle auto senza conducente agli aerei senza pilota

aereo senza pilota

Airbus valuta l’adozione dell’intelligenza artificiale come sostegno ai piloti sugli aerei ma i problemi dal punto di vista amministrativo sono molti

Oggi le self driving car, ovvero le automobili senza conducente, sono una realtà anche se ancora non ha debuttato un modello per il grande pubblico. La stessa rivoluzione che ha riguardato il settore delle quattro ruote potrebbe avvenire anche in quello dell’aviazione. Gli aerei da anni sono dotati di pilota automatico ma il passaggio successivo sarà quello di farli gestire in autonomia da un’intelligenza artificiale in tutte le fasi del volo. “E’ quello a cui stiamo guardando, l’intelligenza artificiale, per liberare i piloti dai compiti più banali e ripetitivi”, sono le parole del Chief Technology Officer di Airbus, Grazia Vittadini riportate da Bloomberg. In futuro quindi avremo aerei in grado davvero di volare da soli e il colosso dell’aviazione statunitense ha iniziato un’opera di convincimento delle autorità che regolano il traffico aereo portando come tesi a loro favore la possibilità di ridurre sensibilmente i costi e una migliore gestione del personale, grazie alla necessità di un numero inferiore di piloti qualificati.

Gli aerei senza pilota, o con un co-pilota robotizzato, hanno comunque gli stessi problemi delle self driving car, in particolare dal punto di vista della regolamentazione. Innanzitutto bisognerà capire come garantire i più elevati standard di sicurezza per i passeggeri e in caso di incidenti a chi spetta la responsabilità a livello penale sia individuale sia societario. L’intelligenza sarà poi in grado di essere efficace in situazioni particolari in cui l’esperienza e l’intuito umano hanno fatto la differenza? In realtà il problema maggiore sarà convincere le persone a salire su questo tipo di veivoli. Una ricerca di UBS infatti conferma che il 54% delle 8000 persone coinvolte nello studio non volerebbe su un aereo senza pilota nemmeno se i costi fossero inferiori a quelli attuali.

Leggi anche:  Ottimizzare il flusso del traffico con i computer quantistici