Le nuove funzioni software delle Tesla

Le nuove funzioni software delle Tesla

Arriverà in questa settimana un importante aggiornamento che mira ad aumentare la sicurezza di uomini e animali dentro il veicolo

Elon Musk, CEO di Tesla Motors, ha confermato che i veicoli elettrici del gruppo vedranno un certo numero di nuove funzionalità grazie ad un prossimo aggiornamento, che dovrebbe arrivare in settimana. Innanzitutto, Sentry Mode, un aggiunta che fornisce un feed video a 360 gradi dei dintorni del veicolo, in modo da permettere ai proprietari di controllare la propria auto utilizzando solo il lo smartphone abbinato. L’update giungerà sulle principali di top di gamma, almeno all’inizio, tra cui la Model 3 e l’iconico Tesla Roadster, in vendita ad oltre 200 mila dollari.

La seconda funzione, Dog Mode, mostrerà un messaggio sul cruscotto dell’auto quando si lasceranno degli animali in macchina, in modo da avvisare i passanti del fatto che il proprietario sa di dover tornare in breve, per prendersi cura degli amici a quattro zampe. Nessuno è stato abbandonato in una Tesla, questo è il senso.

Cosa vedremo

Incalzato in precedenza su Twitter nel merito delle tempistiche di rilascio, Musk ha semplicemente asserito che si tratta di due funzioni che molti possessori aspettano e che quindi non tarderanno. Intanto, Tesla Motors ha aperto un nuovo store su Amazon, dove vende gadget, accessori e modellini, per il momento solo per il mercato americano. Si tratta di un modo per portare la notorietà del marchio verso il grande pubblico.

Sappiamo benissimo infatti che il ventaglio di offerte di Tesla non guarda alla massa ma lo store su Amazon, con accessori dedicati a tanti usi (ci sono persino cover per il cellulare) è un segnale di come la compagnia necessiti di porsi all’attenzione dei più, in un settore automotive che non vuole perdere appeal nei confronti dei consumatori, in anni complicati, in cui la più grande rivoluzione, quella della guida autonoma, stenta a concretizzarsi.

Leggi anche:  Il CEO di Google Pichai sull'intelligenza artificiale: "Il pericolo è reale"