Apple, la guida autonoma è un progetto per nulla dimenticato

Apple, la guida autonoma è un progetto per nulla dimenticato

La compagnia starebbe parlando con almeno quattro potenziali fornitori di tecnologia, col fine di compiere un passo decisivo nel mondo dei veicoli self-driving

La storia d’amore tra Apple e la guida autonoma non è finita del tutto. Stando ad alcune fonti d’oltreoceano, la compagnia sarebbe in trattativa con almeno quattro fornitori di tecnologia, quali possibili partner per sensori lidar destinati ad un veicolo di prova. Anche se non è ancora chiaro quando Apple voglia davvero investire sul settore, un rapporto della Reuters suggerisce che l’azienda è interessata almeno allo sviluppo di componenti hardware e software per veicoli self-driving. Tre persone vicine alla Mela, avrebbero confermato che la multinazionale è alla ricerca di vari elementi cardine per il mondo delle auto senzienti, più economici di quelli disponibili attualmente e probabilmente usati da chi ha già messo in strada vari mezzi in test.

Apple Car nel 2020?

Lidar è un dispositivo di rilevamento che aiuta i computer di bordo a costruire una vista 3D della strada. Al giorno d’oggi, un sistema medio con tali sensori può costare anche 100 mila dollari, decisamente tanto per un gruppo che ha sicuramente mostrato interesse in passato verso il settore ma non con una convinzione tale da realizzare qualcosa di concreto. Apple ha già utilizzando unità lidar progettate da Velodyne sulla sua flotta di veicoli di prova autonomi, ma un problema importante è che non rispondono agli obiettivi che la compagnia si è data per quanto riguarda un eventuale lancio sul mercato di un’automobile consumer. I lidar odierni sono grandi e ingombranti e non appropriati per un veicolo che vuole fregiarsi del marchio della Mela.

L’interesse di Apple è una chiara indicazione delle rinnovate ambizioni della società di entrare nel mercato dei veicoli elettrici e autonomi in futuro. Ma le fonti di Reuters non hanno rivelato se l’azienda sta progettando di costruire un proprio veicolo autonomo o semplicemente vuole fornire i componenti software e hardware di tali veicoli in collaborazione con altri. Ciò che è certo, tuttavia, è che Apple vuole in qualche modo voce in capitolo in un settore che, quasi sicuramente, guiderà gran parte degli investimenti hi-tech dei prossimi anni.

Leggi anche:  Il seggiolino salva-bebè diventa obbligatorio. Samsung presenta Bebècare