Smart city e sostenibilità

PickMeUp di Intent semplifica la mobilità nei comuni limitrofi del Lazio

PickMeUp di Intent semplifica la mobilità nei comuni limitrofi del Lazio

Il Lazio è la seconda regione italiana per numero di pendolari: ogni giorno oltre mezzo
milione di persone si affida ai mezzi pubblici e vive l’espansione urbana di Roma. Lo sviluppo della città metropolitana ha integrato anche i suoi comuni limitrofi, coinvolgendo un numero consistente di viaggiatori che si recano nella Capitale per esigenze diverse, ma accomunati da un unico bisogno: una mobilità sostenibile e armonizzata col territorio, che includa anche i piccoli insediamenti fuori Roma. Da questa premessa nasce PickMeUp, un progetto innovativo che Intent srl ha realizzato insieme ad App to you e al CTL dell’Università La Sapienza di Roma. Il progetto ha interessato nella fase sperimentale i Castelli romani e i Colli prenestini, aree suburbane che soffrono una dislocazione strutturale dei servizi e costringono le persone a muoversi per lavorare, per fare esperienze di studio e lavoro, per viaggiare e assumere nuovi stili di vita, dettati da un’economia sempre più globalizzata.

«Il progetto simboleggia la nostra etica aziendale: semplificare la vita alle persone e migliorarla con l’innovazione tecnologica, le nostre soluzioni sono compatibili con città all’avanguardia nell’era dell’impresa 4.0, di cui ci consideriamo player competitivi», afferma il CEO di Intent, Francesco Maria Primerano. PickMeUp interviene con una forte motivazione sociale, è infatti una piattaforma di supporto alla mobilità sostenibile che integra il trasporto pubblico locale con quello privato. Spesso i mezzi pubblici non hanno infatti una copertura territoriale completa o sono addirittura incompatibili col territorio di provenienza.

«L’urban sprawl del Lazio costringe le persone a spostarsi con numerose difficoltà – afferma Paolo Capiraso, director Innovation di Intent – Si pensi agli studenti e al rigido limite di tolleranza a cui sono sottoposti dagli istituti, che non considerano le limitazioni logistiche, ed è proprio lì che interviene PickMeUp». Lo stesso avviene per i lavoratori, con un incremento significativo dei mezzi privati nei trasbordi locali. Rivolgendosi a una platea quanto più vasta possibile, PickMeUp è invece alla portata di tutti e interagisce con l’utente grazie a un sistema informativo di ultima generazione, che coniuga la domanda con una risposta “just in time” su quanti percorsi siano disponibili in un determinato momento e per un determinato tragitto.

Leggi anche:  Le vendite dei visori VR calano del 33% ma la realtà virtuale non è ancora morta

PickMeUp permette così di trovare un passaggio prenotando il proprio posto in un’auto privata, personalizzare il percorso d’interesse con il paese di arrivo e partenza, la data e l’orario. Si potrà viaggiare in compagnia e, nel tutelare i minori, i genitori potranno coordinare gli spostamenti dei propri figli e contattare il conducente per definire tutti i dettagli del viaggio. La piattaforma, utilizzabile sia via web che app, interpreta le ultime tendenze car sharing e un’etica consapevole sulla green economy. La smart specialisation strategy della Regione Lazio ne delinea la progettualità, con smart grid al servizio dei cittadini e delle imprese per una mobilità sostenibile che favorisca investimenti pubblici e privati orientati alle smart city. PickMeUp sta per concludere la sua fase prototipale e gli utenti potranno adottare dalla primavera 2019 un modello innovativo
nel viaggiare verso la città eterna, in totale comodità.