Samsung ottiene l’approvazione per l’ECG sul Galaxy Watch Active 2

Samsung ottiene l'approvazione per l'ECG sul Galaxy Watch Active 2
Ascolta l'articolo

Anche se solo in Corea, adesso lo smartwatch di Samsung non ha più nulla da invidiare al rivale Apple Watch

Sebbene il Galaxy Watch Active 2 avesse già, al suo interno, un sensore utile a rilevare l’andamento di un elettrocardiogramma, questo non è mai stato messo in funzione. Il motivo? Un po’ quello che è successo al debutto della stessa funzionalità sull’Apple Watch: la burocrazia. In attesa di vedersi riconosciuto un lasciapassare in ogni singola organizzazione nazionale, ad oggi Samsung può attivare l’opzione a bordo dei suoi watch venduti in madrepatria, Corea del Sud.

Samsung ha infatti ottenuto l’approvazione dal Ministero “Food and drug” in Sudcorea e, proprio come sui nuovi modelli di Apple Watch, basta avviare un’app (Samsung Health Monitor) e mettere il dito su un pulsante al lato per la lettura dell’elettrocardiogramma o almeno di una forma molto basilare. L’orologio potrà quindi avvisare se ci sono segni di fibrillazione atriale e invitare a consultare un medico per una diagnosi completa.

Galaxy Watch Active 2 come l’Apple Watch

Detto ciò, Samsung ha anche ricevuto l’autorizzazione a condurre misurazioni della pressione sanguigna tramite l’app Health Monitor, fornendo potenzialmente un’immagine più chiara dello stato fisico degli utenti rispetto al solo ECG. Bisognerà però attendere: la funzionalità arriverà sull’Active 2 solo nel corso del terzo trimestre dell’anno e solo in quei paesi che avranno già dato il via libera per l’approvazione da parte delle agenzie governative competenti. Ovvio che anche i futuri orologi della serie Galaxy avranno l’app e l’opzione abilitata, una volta che questa sarà resa accessibile sullo smartwatch più recente, anche se ciò vorrebbe dire aspettare un bel po’ di mesi.

Ad ogni modo, il Galaxy Active 2 sarebbe il solo, almeno per adesso, a permettere una rilevazione del genere mentre altri modelli della concorrenza, pur essendo pensati per un uso di fitness, si fermano al massimo alla misurazione del battito cardiaco.

Leggi anche:  Pixelbook Go è la fotocopia del MacBook