Meizu MX4 arriva in Italia

meizu mx4

Comincia il pre-ordine del nuovo smartphone dell’azienda cinese, con caratteristiche tecniche di assoluto valore

Ci sarebbe già un numero record: 7,7 milioni di unità già prenotate in tutto il mondo, con un numero che si prevede possa crescere ancora. Sono queste le cifre del Meizu MX4, il top di gamma del produttore cinese che ha lanciato a settembre del 2011 il primo telefono della serie MX. Arrivati al quarto modello, Meizu vuole conquistare il mondo, e non è detto che non riesca a catturare un bel po’ di estimatori anche fuori dalle mura amiche, viste le specifiche del nuovo nato. Il Meizu MX4 è infatti uno dei migliori telefoni in circolazione, soprattutto per l’ottimo connubio tra prestazioni e prezzo. Per 399 euro ci si porta a casa un serio concorrente dei vari Samsung Galaxy e HTC One e, chi può dirlo, anche del nuovo iPhone 6. Per questo Bay Yongxiang, CEO di Meizu, parla di un prodotto che segnerà la storia dell’azienda, portandola a diventare una dei principali player sul mercato dell’hi-tech consumer.

Le specifiche tecniche

Entrando nel dettagli, questo MX4 è un telefono costruito interamente in alluminio, il che lo rende di certo elegante e robusto al tempo stesso. Sotto la scocca troviamo un display da 5 pollici IPS HD con risoluzione pari a 1152 X 1920 pixel. Il processore è un Mediatek MT6595 quad-core a 2.2 GHz, la RAM è da 2 GB e la memoria interna da 16 GB, 32 GB o 64 GB. Punto forte il settore multimediale, con una fotocamera posteriore da 20.7 Megapixel (anche se abbiamo imparato che non basta aumentare solo la capacità del sensore per produrre foto di qualità) e una anteriore da 2 Megapixel. La batteria, da 3100 mAh, permette di arrivare a fine giornata senza grossi problemi. Il sistema operativo è l’ultimissimo Android 4.4 KitKat, ma non è certo che possa arrivare l’aggiornamento ad Android 5 Lion, ma nemmeno è da escludersi a priori. Per ordinare il nuovo smartphone, anche dall’Italia, bisogna cliccare sul sito ufficiale di Meizu.

Leggi anche:  OnePlus si lascia sfuggire a sorpresa il Nord 2