Instant Articles: Facebook è diventato un quotidiano

Facebook Instant Articles

Facebook lancia Instant Articles, il servizio che permetterà agli utenti di accedere a news e contenuti multimediali senza lasciare la piattaforma

Da diverso tempo Facebook sta guardando con interesse al mondo dell’informazione. Dopo il lancio dell’aggregatore di notizie Paper, oggi il social network ha lanciato un nuovo servizio che rivoluzionerà il mondo delle news online e già fa tremare gli editori di tutto il mondo. Instant Articles è una nuova piattaforma in cui le testate giornalistiche potranno pubblicare i propri articoli in cambio di pubblicità e visibilità. La novità al momento riguarda solo l’app iOS di Facebook.

Instant Articles: la rivoluzione social dell’informazione

Instant Articles, come si legge nel post ufficiale che ne annuncia il lancio, permetterà agli utenti di accedere a notizie e contenuti multimediali (video, mappe, foto) di qualità senza dover lasciare la piattaforma. Gli editori potranno caricare i propri articoli 10 volte più velocemente rispetto alle attuali soluzioni disponibili su dispositivi mobili. Inoltre, esistono diverse modalità di pubblicazione. Le testate, come sottolinea il chief product di Facebook Chris Cox, “manterranno il pieno controllo dei contenuti pubblicati e dei loro modelli di business” e potranno decidere di gestire da sé l’offerta pubblicitaria o delegare questo aspetto al social network, che incasserà una parte dei ricavi. L’efficacia delle campagne e i dati sull’engagement degli utenti potranno essere monitorati tramite appositi strumenti come comScore. Attualmente sono nove le testate che partecipano ad Istant Articles: BuzzFeed, New York Times, The Guardian, National Geographic, NBC, The Atlantic, BBC News, Spiegel e Bild.  “Stiamo iniziando con solo pochi editori mentre scopriamo di più su come le persone interagiscono con questi articoli. Abbiamo in programma di lavorare a stretto contatto con i nostri partner editoriali per raccogliere feedback e apportare miglioramenti con l’obiettivo di utilizzarli con ulteriori editori di tutto il mondo nei prossimi mesi”, ha dichiarato all’Ansa un portavoce di Facebook.

Leggi anche:  L'India chiede a Twitter e Facebook di rimuovere i post sulla "variante indiana”

Al momento il mondo dell’editoria mondiale deve affrontare una crisi senza precedenti. L’ingresso di Facebook nel mondo delle news online potrebbe rivelarsi un’incredibile opportunità o la fine delle testate tradizionali. Gli editori attualmente non vedono di buon occhio i colossi del web. In Europa i maggiori quotidiani hanno infatti chiesto a Google di essere pagati per i contenuti presenti sul suo motore di ricerca e hanno portato la questione fino alla Commissione europea. Big G, che per ripicca ha chiuso Google News in alcuni Paesi, ha provato a concludere il conflitto con un progetto di finanziamento per lo sviluppo dell’editoria digitale ma i rapporti sono rimasti comunque piuttosto tesi. Succederà la stessa cosa con Facebook?

Come funziona Instant Articles

[ot-video type=”youtube” url=”T8itWEQowhA”]