Gli HoloLens portano la realtà aumentata in Minecraft

Come la realtà virtuale può aiutarci a uscire fuori dal blocco pandemico

Microsoft ha mostrato alla E3Expo 2015 l’utilizzo dei suoi visori per la realtà aumentata HoloLens per giocare al sandbox Minecraft

Durante la presentazione di Windows 10, Microsoft ha anche tolto il velo ai suoi visori per la realtà aumentata HoloLens. Questa nuova tecnologia sfrutta una CPU Intel Atom per dare all’utente la sensazione di muoversi in un mondo virtuale esattamente come succede nella vita reale. Il sistema si presta a vari utilizzi tra cui anche i videogiochi. Durante la E3Expo 2015, la conferenza più importante per il settore del gaming, Microsoft ha mostrato come utilizzare gli HoloLens per giocare a Minecraft.

Gli HoleLens portano Minecraft nel mondo reale

Nella sua dimostrazione, Microsoft ha mostrato come gli HoloLens possano trasformare completamente l’esperienza di gioco per i gamers. Grazie alla realtà aumentata, l’utente potrà giocare praticamente in ogni stanza della propria casa. I mattoncini di Minecraft, diventato di proprietà dell’azienda di Redmond dopo la discussa acquisizione della software house Mojang, appariranno come una sorta di ologramma sui mobili e ci si potrà addentrare all’interno degli edifici virtuali con il semplice movimento della testa. Con i comandi vocali e le gesture sarà inoltre possibile interagire con le strutture modificandole o zommando fino a vedere dettagli prima impossibili da raggiungere. All’E3, Microsoft ha anche annunciato una nuova partnership con Valve VR nel settore della realtà virtuale. “Lavoreremo insieme a Valve per rendere Windows 10 la migliore piattaforma per il gaming in realtà virtuale”, ha annunciato l’azienda di Redmond in una nota.

[ot-video type=”youtube” url=”HYgqf9rhTIs”]

Nel frattempo anche altre aziende continuano lo sviluppo di sistemi per la realtà aumentata. Google ha ricominciato da zero la progettazione degli occhiali SMART Google Glass mentre Oculus VR, che ha avviato una serie di acquisizioni per migliorare i propri prodotti, lancerà i suoi visori Oculus Rift nel 2016 con nuove funzioni legate ai film e, forse, anche alla pornografia.

Leggi anche:  L’IT sostenibile può generare benefici significativi, ma non è una priorità per la maggior parte delle organizzazioni