Huawei: sferzata al mercato di fascia media con Nova e Nova Plus

All’IFA di Berlino il brand cinese ha svelato due nuovi prodotti destinati a cannibalizzare la fascia media del mercato mobile con prezzi contenuti e prestazioni di valore

Diciamo la verità: dalla Germania ci si attendeva dell’altro da Huawei, che comunque non ha deluso. Chi sperava di vedere il successore del Mate 8, super smartphone dal display grande e definito, si è dovuto “accontentare” di terminali diversi, volti all’utente medio, quello indeciso sul prossimo telefonino da comprare. Per una volta però, quasi come un ritorno alle origini, Huawei ha pensato bene di mantenere basse le richieste economiche dei nuovi Nova e Nova Plus, con una mossa strategica volta a rendere molto difficile la vita ai competitor nella particolare fetta di mercato.

Come sono fatti

Nei fatti, si tratta di due dispositivi accostati quasi in tutto e per tutto con due mostri sacri del recente passato, il Nexus 6P (Nova) e il Mate 8 (Nova Plus). Cambiano le dimensioni del display, 5 pollici per il Nova, 5.5 pollici per il Plus, e alcune chicche hardware e software, che restituiscono la sensazione che effettivamente qualcosa di migliore ci sia sotto uno chassis che rischiava solo di essere un refresh debole delle generazioni precedenti. Un aggiornamento sostanziale è nella fotocamera principale (16 MP per il Nova Plus, 12 per il Nova) e in quella frontale, da 8 megapixel e dedicata alla cattura di selfie di qualità. Il sistema operativo a bordo è Android 6.0 Marshmallow con 3 GB di Ram. Insomma, se avete un Mate 8 per lavorare e divertirvi, conviene tenerselo ancora stretto. Ma il resto della famiglia, con esigenze più ludiche, potrà dotarsi sicuramente di un Nova o di un Nova Plus che quando u uscirà, a fine ottobre nei colori Prestige Gold, Mystic Silver e Titanium Grey a 399 e 429 euro, saranno le scelte migliori in quanto a qualità-prezzo.

Leggi anche:  Vertiv: nuova serie di Rack Transfer Switch e di UPS agli Ioni di Litio per le applicazioni IT distribuite e le reti di edge computing