In passato Apple ha cercato di integrare Flash su iPhone

Adobe Flash è ufficialmente morto: cosa succede adesso

Nel 2009 Apple avrebbe testato la possibilità di utilizzare Flash su iPhone ma Steve Jobs bloccò l’operazione

Apple nella sua storia non ha mai integrato Flash di Adobe all’interno di iOS. Gli utenti hanno spesso criticato questa scelta che con il passare del tempo si è rivelata azzeccata visti i numerosi problemi di sicurezza emersi negli anni. Il software per la riproduzione di contenuti multimediali si è dimostrato troppo sensibile a bug e attacchi malware tanto che diverse aziende come Google e Mozilla hanno deciso di abbandonarlo in favore dell’HTLM 5. La stessa Adobe ha chiesto agli sviluppatori di non lavorare più con Flash. Si pensava che la scelta di non integrare il software in iOS derivasse da una convinzione di Steve Jobs ma in realtà le cose potrebbero essere andate diversamente.

Bob Burrough, ex ingegnere di Apple, ha dichiarato che nel 2009 l’azienda di Cupertino avrebbe effettivamente testato Flash su iPhone. Jobs pare non fosse particolarmente preoccupato dei bug presenti nel software ma un colloquio avuto con Shantanu Narayen, a quel tempo CEO di Adobe, non avrebbe fugato totalmente i suoi dubbi sulla sicurezza del programma. La scelta di adottare l’HTLM 5 si è comunque rivelata funzionale. Questa tecnologia non solo riduce il consumo di batteria di iPhone ma è anche ottimizzata per i display touchscreen.

Leggi anche:  Personio lancia il Digital HR Accelerator Program a sostegno delle PMI europee