Samsung leggerà la mano per non dimenticare più la password

samsung galaxy c10

Samsung ha brevettato un nuovo sensore in grado di leggere le linee della mano per aiutare l’utente a ricordare la password per sbloccare lo smartphone

Samsung utilizza vari sistemi di autenticazione che comprendono la classiche password alfanumeriche, scanner dell’iride e il riconoscimento facciale. In futuro si vocifera che anche l’azienda coreana integrerà una tecnologia molto simile al Face ID di Apple. Per il colosso asiatico la sicurezza non sembra essere mai troppa dopo il disastro di Galaxy Note 7. In questi giorni ha infatti depositato nel suo Paese di origine il brevetto per un sensore in grado di leggere la mano esattamente come le chiromanti solo che invece del futuro ci verrà mostrata la nostra password.

Nonostante esistano sistemi di autenticazione più efficiente, la maggior parte degli utenti continuano a preferire le chiavi d’accesso composte da numeri e lettere. Di solito inoltre vengono adottate sequenze facilmente aggirabili da parte di hacker o terzi malintenzionati. Il brevetto di Samsung, che ha realizzato nuove batterie al litio in grado di ricaricarsi con una rapidità mai vista prima, servirà semplicemente a supportare la memoria dell’utente e non andrà a sostituire le altre tecnologie per la sicurezza. Una volta effettuata una prima scansione del palmo della mano, il sistema confronterà le linee (o pliche) salvate con quelle analizzate dalla fotocamera posteriore al momento di un secondo tentativo di accesso. All’interno del reticolo di pieghe saranno presenti dei suggerimenti con cui aiutarsi a ricordare l’esatta sequenza di numeri e lettere necessaria a sbloccare il dispositivo.

Trattandosi di un brevetto non c’è la certezza che Samsung introdurrà mai questa tecnologia nei suoi prodotti. Per gli smartphone di fascia alta come Galaxy S9 è molto più probabile sceglierà il riconoscimento facciale 3D come ha fatto Apple con iPhone X.

Leggi anche:  Apple lancerà un paio di AirPods Pro low-cost