Qualcomm ha i chip per il Wi-Fi di nuova generazione

Smartphone e tablet del futuro potranno connettersi più velocemente ai router grazie al supporto allo standard 802.11ax

I prossimi due anni saranno fondamentali per il salto verso connessioni più veloci e intelligenti. L’interesse principale è sul 5G ma non è questa l’unica tecnologia in grado di far compiere agli utenti un salto di qualità sostanziale. Qualcomm ha da poco presentato il primo chip capace di supportare lo standard di rete 802.11ax. A differenza dell’attuale, l’hardware in questione non solo consente maggiori velocità nel trasferimento dei pacchetti ma anche soluzioni di sicurezza integrate, come la crittografia WPA3, che protegge di default le password gestite dal network in uso. I chip svelati dalla multinazionale verranno implementati nel 2019 a bordo di smartphone e tablet, qualche mese prima del rilascio dei router 802.11ax e dell’avvento del 5G.

Come è fatto

Chiamato Atheros WCN3998, il chip di Qualcomm può agganciarsi sia al Wi-Fi di vecchia generazione che al nuovo, aprendo anche a scenari di connettività interessanti, vista l’opportunità di gestire pure il Bluetooth 5.1, che vedremo più in là nel corso del 2018. Tecnicamente, per migliorare la velocità e ridurre la congestione del traffico, lo standard 802.11ax introduce nuove tecnologie wireless come il Mu-Mimo, che permette a più utenti di godere della stessa banda a seconda dell’attività in corso su ogni dispositivo.

Ma anche il Target Wait Time, per attivare gli oggetti connessi solo a determinati orari, così da ottimizzare il trasferimento quando non c’è bisogno di tenere collegati decine di end-point. Per i consumatori, soprattutto questa può essere una killer app fondamentale, considerando i picchi di traffico che si hanno in certi momenti della giornata, quando casa e uffici sono pieni e non tutti i gadget che abbiamo con noi hanno necessità di ricevere e inviare informazioni, seppur siano perennemente connessi alla stessa rete.

Leggi anche:  iPhone 14, nuove indiscrezioni sulla prossima generazione