WWDC 2018: vedremo i nuovi MacBook

Lo store online ha messo “in attesa” alcuni modelli probabilmente per evitare acquisti che, dopo la conferenza di giugno, subiranno un ribasso sul prezzo

Il 4 giugno comincia la Worldwide Developers Conference di Apple. Come ogni anno, sono attese novità lato software ma anche hardware. Questa edizione potrebbe essere una delle più interessante del recente passato visto che gli appassionati si attendono dei corposi aggiornamenti sul fronte computer e notebook. In particolare, la Mela avrebbe intenzione di svelare la nuova famiglia di MacBook e un dettaglio sul sito attuale sarebbe la conferma di tutto ciò. La compagnia ha infatti messo in attesa alcuni modelli indicando come prima data di spedizione la fine della WWDC 2018. Questo non è un indizio probante al 100% ma la sensazione è che la mossa serva a impedire agli utenti di comprare un esemplare che tra solo qualche giorno subirà, probabilmente, un ribasso di prezzo.

Cosa sappiamo

Non è chiaro quali modelli otterranno un aggiornamento e in cosa consista tale upgrade ma l’attesa maggiore è sull’integrazione dei Coffee Lake di Intel di ultima generazione o, addirittura, i primi device con CPU proprietaria anche se un panorama del genere è più probabile nel 2019. Del resto, sono passati praticamente 12 mesi dall’ultimo refresh dei MacBook quindi un lancio in quest’ottica è quasi obbligato sulla tabella di marcia di Apple.

Molto di più lo è un arrivo del MacBook Pro, la cui più recente rinfrescata risale addirittura al 2016, una vera e propria era tecnologica, soprattutto se la si considera tramite la legge di Moore. Appuntamento dunque al 4 giugno quando Cupertino introdurrà le novità dell’hardware e focus particolari sulle prossime versioni di iOS, macOS, tvOS e watchOS, per un sistema operativo sempre più integrato e interoperabile.

[amazon_link asins=’B071G2ZJZY,B071X9QRQW,B01MRRVAPC,B00EXCRPWM’ template=’ProductCarousel’ store=’dmo0e-21′ marketplace=’IT’ link_id=’57672b5a-6351-11e8-8c6f-81bc9f411fca’]

Leggi anche:  I nuovi refrigeranti dei data center promuovono la sostenibilità