Autopilot di Tesla sta per offrire davvero la guida autonoma

Musk ci ripensa, niente Bitcoin per comprare le Tesla

Tesla lancerà in agosto il nono aggiornamento del sistema di guida autonoma Autopilot che renderà le vetture ancora più indipendenti dall’uomo e sicure

Tesla è stata tra le prime aziende a proporre un sistema di guida autonoma di massa anche se oggi colossi come Uber e Google stanno facendo passi da gigante nello sviluppo di questa tecnologia. In realtà l’intelligenza artificiale offerta dalla piattaforma Autopilot non consente alla vettura di muoversi senza che il conducente debba fare nulla ma comunque l’intervento umano resta davvero limitato in certe situazioni. Secondo quanto afferma il CEO di Tesla, Elon Musk, il prossimo agosto verrà rilasciato via OTA la nona versione del software per self driving car. Questo aggiornamento, assicura il miliardario, garantirà una maggiore sicurezza come risposta alle critiche dovute ad alcuni incidenti che hanno visto coinvolte le vetture Tesla e soprattutto un superiore livello di autonomia alla guida.

Le automobili di Musk, che ha confermato che l’azienda non ha bisogno di rifinanziamenti e che non costruirà mai motociclette, saranno quindi sempre più indipendenti dall’uomo ma bisogna sottolineare che per poter calibrare al meglio tutte le funzioni ci vorranno comunque diversi anni. Il passo più importante sarà quello di istruire i conducenti su cosa significa davvero guida autonoma. Diversi incidenti infatti dipenderebbero dalla mancata comprensione della differenza tra sistemi per la guida assistita e le funzioni per il controllo della vettura in modalità semi-autonoma e autonoma. Gli utenti in diverse occasioni hanno tolto gli occhi dalla strada e le mani dal volante quando non avrebbero dovuto farlo. Non manca comunque molto al giorno in cui le automobili si gestiranno completamente da sole. Stando ad Uber, i primi taxi senza conducente saranno pronti entro i prossimi 2 anni e le previsioni di Tesla non si discostano molto da questa deadline.

Leggi anche:  Per il 72% delle aziende il Quality Engineering può contribuire all’impatto ambientale dell’IT sostenibile