Google Pixel 5, il prezzo indica un telefono di punta più economico

Google Pixel 5, il prezzo indica un telefono di punta più economico

Google Pixel 5, in uscita dopo l’estate, potrebbe piazzarsi sui 699 dollari, come emerge da un sondaggio interno

Il Pixel 5 è ancora lontano qualche mese dal rilascio e, peraltro, stiamo ancora aspettando il lancio del Pixel 4a, ma Google potrebbe essersi fatta sfuggire (come spesso in passato) qualche dettaglio in più sul top di gamma autunnale. Un utente su Reddit ha pubblicato uno screenshot di un sondaggio di Big G, con cui il Pixel 5 è stato presentato questa settimana, che ha chiesto agli utenti quale dei due dispositivi Pixel preferirebbero, data l’opzione: un telefono Google Pixel al prezzo di 349 dollari oppure un modello premium a 699 dollari. Le scelte di smartphone non così ipotetiche elencano anche alcune funzionalità di ciascun telefono, tra cui un jack per cuffie da 3,5 mm per il modello più economico e una “fotocamera best in class” per quello più costoso.

Come sarà fatto il Pixel 5

Dato quello che abbiamo già sentito sul Pixel 4a, è probabile che lo smartphone da 349 dollari a cui si fa riferimento sia l’offerta di budget di Google; il prezzo è infatti più o meno lo stesso di quello di cui si è discusso finora, e sembra che l’oggetto sfoggerà proprio un jack per cuffie. Google ha un altro smartphone impostato per un’uscita nel 2020, e questo è il Pixel 5, quindi il “premium” del sondaggio dovrebbe essere quello. Non ne abbiamo ancora sentito parlare molto ma si vocifera che Pixel 5 eliminerà il sensore Motion Sense, creando un telefono forse più economico.

Il prezzo del sondaggio è in realtà leggermente meno di quanto ci aspetteremmo per il dispositivo di punta di Google, quindi è possibile che il gigante della tecnologia abbia ridotto alcune altre funzionalità che non ritiene prioritarie, per abbassare il cartellino, anche a fronte delle attuali difficoltà economiche dei consumatori (seppur la roadmap di uno smartphone è vecchia almeno di 12-18 mesi). Un’altra mossa è la scelta del chipset: sin da marzo, si vocifera che Google opterà per il processore Snapdragon 765 di livello intermedio anziché per l’865. Peraltro, il 765 è già pronto per il 5G e occupa meno spazio all’interno dello chassis, dando a Google la possibilità di inserire una batteria più grande e aumentando l’autonomia.

Leggi anche:  Stampanti “a prova di GDPR”