Samsung svela il chip Exynos 1080

Destinato a telefoni di fascia media, può supportare fotocamere con sensore da 200 MP

Apple ha innegabilmente rubato i riflettori la scorsa settimana con la presentazione del suo primo processore casalingo per Mac: l’M1. Ma Apple non è certo l’unico gigante della tecnologia a vantare nuovi chip: Samsung ha svelato il suo nuovo progetto mobile di fascia media, l’Exynos 1080. Il chipset, che combina funzionalità 5G con AI migliorate, è la prima piattaforma in assoluto costruita sulla tecnologia 5nm che Samsung ha presentato per la prima volta l’anno scorso. Tra le altre cose, la particolare costruzione promette miglioramenti significativi in ​​termini di prestazioni ed efficienza energetica, che è qualcosa che sta particolarmente a cuore case e consumatori.

Come è fatto l’Exynos 1080

Samsung afferma che il chipset è stato ottimizzato per il multitasking, comprendendo una CPU octa-core con un Cortex-A78 ad alte prestazioni, tre core Cortex-A78 leggermente meno potenti per un’elaborazione bilanciata e quattro Cortex-A55 per l’efficienza. Le altre specifiche includono una GPU Mali-G78 MP10 e, in aggiunta a ciò, l’Exynos 1080 viene fornito con il supporto per un massimo di sei sensori della fotocamera e 200 megapixel di risoluzione.

Samsung non ha ancora rivelato in quali telefoni intende utilizzare il nuovo processore, ma la società ha lasciato intendere che Vivo potrebbe essere il primo marchio a utilizzare la tecnologia, a partire dalla serie X prevista per il rilascio nel 2021. Considerando la propensione a usare enormi sensori in quanto a megapixel all’interno dei suoi dispositivi, Xiaomi è un altro marchio candidato ad ospitare una configurazione con occhio da 200 MP nel prossimo futuro.

Leggi anche:  Il Galaxy Z Flip 3 con un design più raffinato