TIM porta a Cento la fibra ottica ultraveloce

TIM porta a Cento la fibra ottica ultraveloce

La città emiliana è stata inserita da TIM nel piano nazionale di cablaggio in tecnologia FTTH (Fiber To The Home) per rendere disponibili connessioni fino a 1 Gigabit/s

TIM avvia a Cento un innovativo piano di cablaggio che, con un investimento stimato di circa 3 milioni di euro e in sinergia con l’Amministrazione comunale, porta la fibra ottica fino alle abitazioni per rendere disponibili collegamenti ultraveloci fino a 1 Gigabit/s. Il capoluogo emiliano, infatti, è stato inserito nel programma nazionale di copertura di FiberCop, la nuova società del Gruppo TIM che realizzerà la rete di accesso secondaria in fibra ottica nelle aree nere e grigie del Paese per sviluppare soluzioni FTTH (Fiber To The Home) secondo il modello del co-investimento “aperto” previsto dal nuovo Codice Europeo delle Comunicazioni Elettroniche.

I lavori per la realizzazione della nuova rete partiranno a breve in molte zone della città, in modo da rendere i servizi progressivamente disponibili, con l’obiettivo di collegare circa 11.000 unità immobiliari alla conclusione del piano.

Per la posa della fibra ottica saranno utilizzate, laddove possibile, le infrastrutture già esistenti. Nel caso sia necessario effettuare scavi, questi saranno realizzati adottando tecniche innovative a basso impatto ambientale, con interventi sulla sede stradale di circa 10-15 centimetri. TIM opererà in partnership con l’Amministrazione comunale per limitare il disagio ai Cittadini e procedere speditamente con la realizzazione della nuova rete.

Grazie a questo piano, Cento sarà dotata di una rete in fibra ottica ancora più performante di quella che già oggi è a disposizione di cittadini e imprese grazie alla tecnologia FTTCab, che rende già disponibili collegamenti fino a 200 megabit per 13.000 unità immobiliari, pari al 95% delle linee del comune.

Leggi anche:  Rete 5G, al via la Reply Code Challenge 2021

La nuova rete super-veloce consentirà di accelerare i processi di digitalizzazione sul territorio, a beneficio di cittadini, imprese e pubblica amministrazione, e di assecondare al meglio le esigenze professionali anche legate allo smart working e alla didattica a distanza.

“La connettività di aziende e privati è un elemento indispensabile per esercitare i propri diritti, lavorare e competere nel mondo odierno, a maggior ragione nella situazione di limitazione degli spostamenti in cui siamo costretti- dichiara Fabrizio Toselli, sindaco di Cento -. Il Comune di Cento ha sempre incentivato, nelle proprie disponibilità, la diffusione della banda larga, sia investendo nelle zone industriali, sia ottenendo nel 2020, grazie alle proprie segnalazioni ai gestori e all’investimento di TIM, il completamento della copertura del nostro territorio. La scelta di TIM di aver di nuovo individuato il nostro Comune per proseguire con gli investimenti e realizzare il progetto così ambizioso di raggiungere tutti gli edifici con la fibra ottica entro il 2023 ci trova molto entusiasti. Questo conferma e aumenterà il valore della nostra città come luogo da visitare, dove vivere e fare impresa. L’amministrazione supporterà i lavori in modo che siano rapidi e di qualità, con i minori disagi per tutti”.

“Grazie agli ingenti investimenti fatti da TIM a Cento e alla proficua collaborazione con l’Amministrazione comunale, siamo molto contenti di comunicare che la città emiliana rientra in questo ambizioso progetto – dichiara Massimiliano Dotti, Responsabile Field Operations Line Emilia Ovest di TIM -. L’obiettivo è quello di portare l’innovazione sul territorio e dare impulso alla diffusione dei servizi digitali finalizzati a sostenere le imprese nello sviluppo del loro business e a migliorare la qualità della vita dei cittadini, contribuendo in questo modo alla crescita dell’economia locale. Cento fa parte di un percorso di eccellenza che vede TIM impegnata su tutto il territorio nazionale nel realizzare una rete interamente in fibra in grado di erogare volumi di traffico sempre maggiori con una qualità elevatissima”.

Leggi anche:  IRIDEOS Avalon Campus, il centro dell’Internet italiano