Samsung prepara i primi smartwatch con Wear OS

Samsung prepara i primi smartwatch con Wear OS

Il 28 giugno è la data in cui l’azienda potrebbe svelare i nuovi orologi

I prossimi smartwatch di Samsung sono vicini al rilascio. I Galaxy Watch 4 e Galaxy Watch 4 Active sono stati individuati negli elenchi della FCC, organismo di regolamentazione degli Stati Uniti, il che suggerisce che entrambi i prodotti stanno per solcare le porte dei negozi, online e fisici. Gli elenchi ci forniscono anche dettagli su cosa aspettarsi dai prossimi dispositivi. I modelli avranno la compatibilità con le bande LTE, Wi-Fi dual band, NFC e Bluetooth e, particolare importante, con la ricarica Qi, magari in modalità di alimentazione più semplice, ossia con un bordo meno concavo che permetta dunque di caricare l’orologio appoggiandolo a tutte le tipologie di basette sul mercato e non solo su quelle proprietarie e ad-hoc. 

Del resto, voci precedenti hanno suggerito che questi smartwatch non verranno forniti con caricabatterie nella confezione, una mossa simile a quella che Samsung ha compiuto con i suoi smartwatch Galaxy S21, quindi è plausibile che l’azienda voglia standardizzare la questione ricarica per i suoi device. Un particolare importante è che, a seguito della conferenza Google I/O 2021, Samsung ha inserito Tizen all’interno del progetto Wear OS, che dovrebbe dunque sostituire l’OS a bordo di tutti gli orologi rilasciati da quest’anno in poi.

Le altre specifiche

Quando vedremo svelati questi smartwatch? Samsung non ha ancora confermato nulla, ma un grande suggerimento da parte della società porta alla data del 28 giugno, ossia all’evento di sostituzione del MWC 2021 di Barcellona. Resta da vedere se si tratterà solo di un teaser per gli orologi o di una presentazione in piena regola, ma mancano solo un paio di settimane prima di scoprirlo. Tante altre aziende si preparano ad eventi alla fine di giugno, quando si sarebbe dovuto tenere il Mobile World Congress in terra iberica. In realtà, la manifestazione ci sarà ma senza la presenza dei marchi più importanti del settore. Samsung, insieme a Google, Nokia, Ericsson e molti altri, ha infatti ufficializzato la sua assenza settimane fa, considerando la salute di dipendenti e visitatori più importante di un paio di stand localizzati.

Leggi anche:  L’iPhone 12 può interferire con i pacemaker