Samsung ottiene l’autorizzazione della FDA per le notifiche sul ritmo cardiaco irregolare

Samsung ottiene l'autorizzazione della FDA per le notifiche sul ritmo cardiaco irregolare

Lo scopo è migliorare le funzionalità ECG esistenti sui modelli di Galaxy Watch 6

Samsung ha annunciato di aver ricevuto l’autorizzazione dalla Food and Drug Administration per una nuova funzione di notifica del ritmo cardiaco irregolare per i suoi Galaxy Watch. La novità dovrebbe essere integrata nel monitoraggio, già presente, via ECG ma resa disponibile solo sui modelli che verranno lanciati in estate, i Galaxy Watch 6. Dal punto di vista tecnico, tutto è molto simile alla funzione di monitoraggio AFib passivo di Fitbit introdotta lo scorso anno rispetto ai controlli a campione dell’ECG introdotti da Apple con la Serie 4 nel 2018. A differenza delle misurazioni dell’ECG, queste notifiche del ritmo cardiaco irregolare non richiedono all’utente di fare nulla. 

Una volta abilitato, il Galaxy Watch monitorerà i ritmi irregolari della frequenza cardiaca in background e avviserà gli utenti solo quando un certo numero di misurazioni consecutive risulterà irregolare. A quel punto, verrà richiesto di eseguire un ECG. La funzione farà parte del prossimo aggiornamento One UI 5 Watch, che Samsung ha annunciato per la prima volta alla fine della scorsa settimana. Nel suo comunicato stampa, l’azienda afferma che l’update arriverà “prima sui nuovi dispositivi Galaxy Watch entro la fine dell’anno” per poi espandersi alle edizioni precedenti, presumibilmente le gamme Galaxy Watch 4 e 5. Samsung prevede di aprire una versione beta di One UI 5 Watch entro la fine del mese agli utenti esistenti di Galaxy Watch 4 e 5, ma non è chiaro se le notifiche sul ritmo cardiaco irregolare saranno incluse nella versione di prova. Nel complesso, la nuova funzionalità si inserisce perfettamente nell’obiettivo di Samsung di posizionare i dispositivi Galaxy Watch come strumenti di salute più olistici. Detto questo, è chiaro che la coreana debba recuperare terreno. La maggior parte degli aggiornamenti di One UI 5 Watch, come le zone di frequenza cardiaca personalizzate e gli SOS di emergenza, sono tentativi di colmare il divario con altri produttori di smartwatch, in primis Apple.

TI PIACE QUESTO ARTICOLO?

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato.

Leggi anche:  Smart printing e sostenibilità, la nuova qualità di stampa