I big dell’automotive tedeschi si uniscono per Nokia HERE

amazon offre tre miliardi per Nokia HERE

Nokia vuole cedere le proprie mappe HERE e tre grandi aziende tedesche dell’automotive si sono mosse per rilevarle prima di Apple e Facebook

Nokia sta attuando un riassetto aziendale dopo la cessione della divisione Devices & Services a Microsoft. L’azienda di Espoo ha deciso di puntare sullo sviluppo di reti senza fili e per farlo deve liberarsi delle divisioni che non producono più profitti. Fra queste figura quella che gestisce le mappe HERE. Il servizio è stato messo ufficialmente in vendita e sono molti gli acquirenti interessati. Secondo quanto riferisce il Wall Street Journal, i più vicini all’acquisizione di HERE sono i colossi dell’automobile tedesca ma alla porta ci sono anche Facebook e Apple.

Nokia HERE: i colossi dell’automotive di Germania anticipano Facebook ed Apple

Il quotidiano statunitense afferma, citando una fonte vicina all’operazione, che i tre colossi dell’automotive in Germania (BMW, Audi e Daimler) hanno deciso di unire le forze per l’acquisizione di HERE. L’obiettivo della cordata è quello di rilevare le quote di maggioranza della divisione di Nokia per frenare l’ingresso nel settore di nuove aziende del web statunitensi e contrastare un rafforzamento di CarPlay di Apple e Android Car di Google. Nell’affare rientrerebbe anche il social network cinese Baidu.

Nel frattempo, anche Facebook ed Apple si stanno muovendo per rilevare HERE. La piattaforma di Menlo Park, che già utilizza il servizio di Nokia per la sua app mobile, è intenzionata ad appropriarsi delle mappe finlandesi per utilizzarla su Messenger e Instagram per Android. L’azienda di Cupertino, invece, le sfrutterebbe per migliorare la sua app Maps e implementare le funzioni di CarPlay. Nokia, che ha registrato risultati finanziari non certo brillanti nel primo trimestre 2015 nonostante le voci sul lancio di un nuovo smartphone nel 2016, valuta HERE circa 3 miliardi di euro. Questa liquidità le servirà per completare l’acquisizione di Alcatel – Lucent e quindi imporsi nel settore del reti wireless.

Leggi anche:  Il coronavirus sta decimando il MWC 2020