Xiaomi supera Samsung in India

Il produttore cinese ha venduto più smartphone del big coreano in un mercato che ha un potenziale inespresso per numero di utenti

Nell’ultimo trimestre del 2017 Xiaomi ha superato Samsung per unità di smartphone vendute in India. I dati arrivano da una ricerca di Canalys e Counterpoint, che affermano come nelle ultime settimane la fetta di mercato del colosso coreano sia scesa al 23% contro il 25% ottenuto tra ottobre e dicembre dal concorrente cinese. Nello specifico sarebbero 8,2 milioni i telefonini piazzati da Xiaomi mentre i Galaxy si sarebbero fermati a 7,3 milioni.

Uno scarto insomma importante che avrebbe permesso alla rampante compagnia di agguantare il primato in un mercato dal potenziale ancora inespresso in fatto di cellulari intelligenti, se non altro per i prezzi di vendita per molti non sostenibili. Proprio su un interessante rapporto tra qualità e costo Xiaomi ha costruito parte del suo successo in Cina, seguendo una simile strada anche in Europa, dove da qualche mese rende disponibili con garanzia continentale alcuni modelli in portafoglio, in particolare indirizzati al pubblico dei più giovani, esigenti in quanto ad hi-tech ma dalle capacità di spesa ridotte.

Samsung non è d’accordo

Eppure Samsung non condivide il report di Canalys e Counterpoint. Il produttore afferma di essere ancora il primo in India, citando altri analisti, tra cui Gfk. “Per loro – ha scritto la multinazionale in un comunicato – il trimestre di riferimento si è concluso con un valore di mercato del 45% e il 40% di market share. Per questo Samsung ha guidato il settore smartphone nel paese in ogni segmento disponibile”. Come è possibile? La verità è che Canalys e Counterpoint prendono in considerazione metriche e dati diversi.

Le prime due valutano la presenza in percentuale dei vari brand basandosi sulla differenza tra i dispositivi nei magazzini e quelli a disposizione al momento dell’indagine mentre Samsung contempla i ricavi ottenuti dalle vendite degli smartphone in generale, quindi un mero dato economico. Al di là di ciò, nell’intero anno solare, gli indiani hanno comprato più telefonini col marchio della grande S che Xiaomi, anche se non è detto che nel 2018 le cose non si possano capovolgere, a favore di quest’ultima.

Leggi anche:  La mostra “Olivetti, una storia di innovazione” al Museo del Novecento