Netflix e Sky si alleano per portare lo streaming su Sky Q

Netflix testa un abbonamento a metà a prezzo ma solo su mobile
Netflix sperimenta in Malesia un abbonamento da 4 dollari ma disponibile solo su smartphone e tablet

Nel 2019 gli utenti Sky potranno visionare l’intero catalogo di Netflix tramite il decoder Sky Q

Sky e Netflix sono rivali nel settore dello streaming ma inaspettatamente hanno deciso di unire le forze per rivoluzionare il panorama televisivo mondiale. Le due aziende hanno annunciato una partnership che porterà il catalogo della piattaforma di Los Gatos all’interno dell’offerta Sky Q. Il nuovo progetto dovrebbe partire dal 2019 e i primi Paesi coinvolti saranno quelli del nord Europa con il Regno Unito in prima fila. In una fase successiva anche gli utenti di altre nazioni del Vecchio Continente, Italia inclusa, potranno usufruire dello stesso servizio.

La collaborazione garantirà vantaggi concreti per entrambe le aziende. Sky potrà ampliare la propria offerta con le produzioni originali e i contenuti di grande attrattiva di Netflix. Questo è inoltre il primo passo per trasformare Sky Q in una piattaforma di intrattenimento a tutto tondo. Nel Regno Unito, ad esempio, verrà presto integrata nel decoder anche la possibilità di utilizzare Spotify. Netflix invece potrà accedere all’enorme platea di abbonati Sky e consolidare così la sua presenza in Europa dopo aver superato a luglio i 100 milioni di spettatori attivi al mese. La partnership servirà alle due aziende anche per tutelarsi dall’interesse di altre società pronte ad acquisirle. Si vocifera infatti che 21th Century Fox, passata a dicembre sotto il controllo di Disney per una cifra superiore ai 50 miliardi di dollari, e il gruppo composto da Comcast e Universal abbiano avanzato un’offerta per Sky mentre Netflix potrebbe diventare preda di Apple. Non bisogna poi dimenticare che proprio Disney ha confermato il prossimo lancio di una piattaforma di streaming. La competizione si fa sempre più serrata e quindi Rupert Murdoch e Reed Hastings devono aver pensato che l’unione fa la forza.

Leggi anche:  Anche Facebook sposa la modalità scura

[amazon_link asins=’B01IVIUJ8K,B00BW0A4TE,B00ED2BFW8,B00DW7Y70C,B014FDHKSM,B071SGV5LQ,B01N1ZI6D1,B00QGPCO6G,B0108JZMPA’ template=’ProductCarousel’ store=’dmo0e-21′ marketplace=’IT’ link_id=’a84cc0cf-212c-11e8-9eb7-550b0088550b’]