I social network battono la TV per tempo di fruizione

social network

Gli utenti al giorno d’oggi trascorrono più tempo sui social network che davanti alla televisione. La tendenza non farà che crescere con il passare del tempo

Oggi la televisione è ufficialmente passata in secondo piano rispetto ai social network. Le persone infatti ora trascorrono più tempo davanti allo schermo dello smartphone e del tablet rispetto alla TV. La conferma arriva da un’indagine condotta da Globawebindex su un campione di 350mila persone di tutto il mondo ed età compresa tra i 16 e i 64 anni. Gli utenti passano circa 20 minuti in più al giorno sui social network rispetto alla televisione. Per quanto riguarda i giovanissimi, che rientrano nella cosiddetta “generazione Z”, il gap si allarga addirittura a 1 ora e mezza.

Stando al report, il 54% degli utenti al di fuori della Cina, nazione in cui il web e i social network sono controllate dal Governo tramite la censura, hanno guardato almeno un video il mese scorso su Facebook, Twitter, Snapchat o Instagram, che ora consente di condividere i post all’interno delle Storie. “Sebbene la natura dell’impegno sui social media differisca dal tipo di visualizzazione e coinvolgimento della TV, sempre più utenti di Internet dedicano più momenti della loro giornata ai social media, – si legge nel rapporto – E più i video decollano più le piattaforme social coglieranno l’opportunità di muoversi nel mondo della TV”.

Non è quindi un caso che i principali social network stiano mettendo i filmati all’interno della loro esperienza. Facebook ad esempio ha lanciato tempo fa la piattaforma di streaming Watch da cui trasmetterà produzioni originali, serie TV, film e anche un canale dedicato alle news. Instagram sta valutando di estendere la durata dei video fino a un’ora mentre Twitter ha confermato che puntare su questa tipologia di contenuti, che crea maggiore coinvolgimento rispetto a quelli testuali, è la strada vincente per tornare a competere ai massimi livelli.

Leggi anche:  Apple News si prepara alle sottoscrizioni