Galaxy S10, la versione base in tre configurazioni

Il Galaxy S10 si farà anche in “Edge”

Diffuse online le caratteristiche di quelli che dovrebbero essere tre modelli del prossimo smartphone consumer della coreana

Il Galaxy S10 arriverà tra febbraio e marzo, quasi sicuramente in tre versioni. Se le indiscrezioni precedenti non mentono, il prossimo top di gamma della coreana avrà, pur nella sua declinazione basic, configurazioni hardware differenti, tali da portare l’offerta generale a ben 9 device: 3 Galaxy S10, 3 Galaxy S10+, 3 Galaxy S10 5G. Ad appoggiare parte della tesi c’è un nuovo leak, questa volta di Ben Geskin. Stando a quanto diffuso nelle ultime ore, l’S10 monterà una fotocamera posteriore a doppia lente, uno scanner per impronte digitali sul dorso, un processore Snapdragon 845/Exynos 8150 e, cosa più interessante, un display “Infinity-O”.

Si tratta di uno dei nuovi prodotti che Samsung ha svelato alla Developer Conference, che avvicina di più la linea di smartphone casalinga a quelli della concorrenza con notch. Si, perché anche la compagnia seguirà una simile strada sebbene in una maniera tutta sua: lo schermo in questione avrebbe un taglio circolare intorno alla fotocamera, senza interruzioni, come una goccia che occupa solo una piccola porzione del touchscreen.

Come sarà

Geskin ha spiegato che l’S10 “basic” avrà tre configurazioni: una con 4 GB di RAM e 64 GB di storage, una con 6 GB di RAM e 64 GB di storage e una con 6 GB di RAM e 128 GB di storage. Apparentemente avrà una fascia di prezzo tra i 650 e i 750 dollari, in linea con il costo al lancio del Galaxy S9. Come detto, la presentazione dovrebbe avvenire al Mobile World Congress di Barcellona del prossimo febbraio, o magari a un evento ad-hoc, dove Samsung svelerebbe anche la forma definitiva del Galaxy F, anticipato alla Developer Conference di inizio novembre.

[amazon_link asins=’B079XF85SP,B071RSVYSH,B01BWV9A42,B01MU9A5MM’ template=’ProductCarousel’ store=’dmo0e-21′ marketplace=’IT’ link_id=’734f4ff1-e71f-11e8-884e-752d43713f16′]

Leggi anche:  Pixel 4 resta un mistero: sarà uno smartphone low cost Dual SIM?