Elon Musk svela il primo tunnel di Boring Company per sconfiggere il traffico

Elon Musk svela il primo tunnel di Boring Company per sconfiggere il traffico

Elon Musk come da programma ha presentato ufficialmente il primo tunnel realizzato da Boring Company sotto Los Angeles per ridurre gli ingorghi nella metropoli californiana

Circa due anni fa Elon Musk, patron di Tesla e Space X, ha lanciato l’idea di costruire dei tunnel sotterranei nelle città più trafficate per ridurre il numero di veicoli circolanti nelle arterie principali e di conseguenza i tempi di percorrenza. Da questa idea è nata Boring Company, azienda che si è poi occupata di realizzare anche prodotti bizzarri come i lanciafiamme. Ieri sera, come da programma, il miliardario di origine sudafricana, che ha dovuto lasciare la carica di presidente del colosso delle vetture elettriche, ha presentato il primo tunnel realizzato sotto la città di Los Angeles, in California, progettato per evitare il “traffico che distrugge l’anima”. Il primo segmento è lungo 1,14 miglia (1,83 km) e dovrebbe consentire alle automobili di viaggiare fino a 240 km all’ora.

Boring Company nei prossimi mesi costruirà delle stazioni da cui i veicoli potranno accedere all’autostrada sotterranea, che si trova a circa 9 metri di profondità, tramite degli appositi ascensori. Lo stesso progetto verrà poi esteso anche ad altre città nel mondo e consentirà il passaggio non solo delle auto tradizionali ma anche di quelle elettriche e self driving car oltre a pedoni e ciclisti. Inoltre, i materiali di scarto dovuti agli scavi verranno riutilizzati per creare mattoni low cost per l’edilizia. Musk ha sottolineato che il costo di questa prima sezione di tunnel, compresa la spesa per i sistemi di illuminazione e areazione, è stato di appena 10 milioni di dollari. Si tratta di un esborso decisamente contenuto se si considera che scavare un tunnel di questo tipo con tecniche tradizionali, almeno secondo quanto afferma il CEO di Tesla, può arrivare a costare fino a 1 miliardo di dollari e richiede da 3 a 6 mesi di lavori.

Leggi anche:  Mamma… li droni!